Un “assassino di massa globale”