Unrwa e Palestina “mangiasoldi”
con la truffa dei falsi rifugiati