Michael Jackson, venduto il ranch Neverland per 22 milioni di dollari

Neverland, il mitico ranch che apparteneva a Michael Jackson è stato finalmente venduto al miliardario americano Ron Burkle ad un prezzo di circa 22 milioni di dollari, ben al di sotto del prezzo di vendita originale.

 

Ron Burkle, l’acquirente del Ranch Neverland di Micheal Jackson, è l’azionista di maggioranza del club privato internazionale Soho House e ha anche investimenti che vanno dai supermercati all’industria musicale. Ha acquisito la proprietà per la sua “opportunità di sviluppo in ambito rurale ed agricolo”, ha detto il portavoce dell’uomo d’affari del Montana.

Burkle era stato un consulente finanziario di Michael Jackson, aiutandolo persino a ripagare i grandi debiti accumulati a causa dello stile di vita eccentrico del re del pop negli anni precedenti la sua morte il 25 giugno 2009 per intossicazione acuta da propofol quando aveva 50 anni.

Come riportato dal Wall Street Journal, i 22 milioni di dollari pagati per la proprietà rappresentano circa un quinto del prezzo per il quale il ranch di Mickeal Jackson nel Neverland era in vendita nel 2015, stimato in circa 100 milioni di dollari. L’anno scorso il prezzo del ranch era già stato abbassato a 31 milioni, ma anche in questo caso non era stato trovato alcun acquirente.

Michael Jackson ha acquisito la proprietà nel 1987 dall’uomo d’affari William Bone per 18 milioni di dollari. Ha 1.100 ettari di terreno e si trova a 13 chilometri a nord di Santa Ynez, in California, in un’area di bovini e vigneti.

Nel ranch c’era uno zoo, un parco divertimenti, un lago con una cascata, una ferrovia. Lo chiamò Neverland (Neverland) ispirato all’isola di Peter Pan, dove i bambini non sono mai cresciuti.

Nel 2003, Neverland era stato perquisito dagli investigatori quando Michael Jackson fu accusato di aver abusato dei bambini che aveva portato all’internso dello stesso. Successivamente, la polizia aveva trovato una vasta collezione di immagini pornografiche e fotografie di bambini nudi.

Nel 2005, il cantante fu assolto da tutti i crimini, ma non tornò più nella proprietà.

Neverland era diventata una proprietà maledetta, che ha generato solo molte spese. Nel 2008, un anno prima di morire, a causa dei debiti accumulati e del rischio che il ranch gli fosse sequestrato, Jackson vendette Neverland a Thomas Barrack Jr. a Colony Capital per 22,5 milioni di dollari.

La prima cosa che hanno fatto i nuovi proprietari è stata cambiare il nome in Sycamore Valley Ranch, tuttavia, lo stesso viene ancora ricordato per il nome che gli diede l’incontrastata star del pop.