Israele è il paese leader nella vaccinazione contro il Covid-19

Gravemente colpita dal coronavirus, Israele, ha distribuito le prime due dosi di vaccino Covid 19 a oltre il 10 per cento della sua popolazione ed è il primo paese al mondo per percentuale di cittadini vaccinati.

 

Più del 10% della popolazione israeliana ha ricevuto una prima dose di vaccino contro il coronavirus, un tasso che ha superato di gran lunga il resto del mondo e ha sostenuto l’immagine interna malconcia del leader del paese, Benjamin Netanyahu, in un momento critico.

La campagna di Israele, iniziata il 20 dicembre, ha distribuito il vaccino a una percentuale tripla della sua popolazione rispetto alla seconda nazione più raapida nelle operazioni, il minuscolo regno del Bahrein nel Golfo Persico, secondo i dati forniti da fonti del governo locale.

Al contrario, meno dell’1% della popolazione degli Stati Uniti e solo piccole frazioni della popolazione in molti paesi europei hanno ricevuto una dose di vaccino, secondo Our World in Data, sebbene Cina, Stati Uniti e Gran Bretagna abbiano distribuito ciascuno più dosi complessive.

“È una storia piuttosto sorprendente”, ha dichiarato il prof. Ran Balicer, presidente del team nazionale di esperti che sta assistendo il governo israeliano sulla sua risposta al Covid-19.

Il sistema sanitario israeliano fortemente digitalizzato (tutti i cittadini, per legge, devono registrarsi presso uno dei quattro HMO del paese) e il suo governo centralizzato si è dimostrato abile nell’orchestrare una campagna di inoculazione nazionale.

Con una popolazione di nove milioni di abitanti, anche le dimensioni relativamente piccole di Israele hanno avuto un ruolo, ha affermato il professor Balicer, che è anche il chief innovation officer di Clalit, il più grande dei quattro HMO del paese.

Il ministro della Sanità, Yuli Edelstein, ha dichiarato venerdì in un’intervista, che Israele aveva avviato negoziati con i produttori di farmaci già da tempo e che le aziende erano interessate a fornire Israele grazie all’ottima reputazione dei suoi HMO sia per l’efficienza che per la raccolta di dati affidabili.

“Stiamo guidando le vaccinazioni rispetto ad altri paesi nel mondo grazie ai nostri preparativi”, ha detto.

Conflitti politici interni, istruzioni confuse e mancanza di fiducia del pubblico nel governo hanno lasciato Israele apparentemente fratturato nel mese di ottobre mentre il paese ha lottato per far fronte a un’ondata di casi di coronavirus e morti che, in relazione alle dimensioni della popolazione, erano tra i peggiori in il mondo.

Mentre le restrizioni imposte in autunno hanno ridotto il numero di nuovi casi di coronavirus, nelle ultime settimane sono risaliti a più di 5.000 al giorno. Più di 420.000 israeliani sono stati infettati e 3.325 sono i morti.

I funzionari israeliani non hanno pubblicato il numero esatto di dosi di vaccino che sono state distribuite finora, o quali siano stati gli accordi economici, sostenendo che si tratta di informazioni riservate.

Il prof. Jonathan Halevy, presidente del Shaare Zedek Medical Center di Gerusalemme, ha affermato che iniziare le vaccinazioni in maniera tempestiva e rapida è stata la “strategia più corretta”.

Con Israele che ha dato la priorità agli operatori sanitari e ai cittadini di età pari o superiore a 60 anni, il signor Edelstein ha affermato che la maggioranza della popolazione ad alto rischio dovrebbe ricevere la seconda delle due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech entro la fine di gennaio. Ogni giorno vengono vaccinati circa 150.000 israeliani.

Netanyahu – che è sotto processo con l’accusa di corruzione, frode e violazione della fiducia – ha reso la campagna di vaccinazione una sorta di missione personale , prendendosi il merito di aver firmato accordi e assicurato milioni di dosi da Pfizer, insieme a Moderna e altre società.

Post Correlati