A Cagliari il week end
della cultura ebraica

DIASPORAS programma 1

Diaspora – identità e dialogo è il tema centrale della Giornata europea della cultura ebraica, in programma a Cagliari il 9 e 10 settembre a Palazzo Siotto e al Centro Culturale Il Ghetto. Una due giorni di incontri aperti al pubblico, esposizioni, presentazioni letterarie e concerti incentrati sulla diaspora ebraica (ebraico: Tfutza) o esilio (ebraico: Galut, yiddish: Golus), espressione che si riferisce alla dispersione degli israeliti, dei Judahites e a seguire degli altri ebrei dalla loro patria ancestrale (Terra d’Israele) e ai successivi insediamenti degli stessi in altri luoghi del pianeta. 

Anche se il termine “diaspora” allude precisamente alla dispersione fisica degli ebrei  in tutto il mondo, esso implica anche connotazioni religiose, filosofiche, politiche ed escatologiche, in quanto gli ebrei percepiscono un rapporto speciale tra la terra d’Israele e se stessi.

Mario Carboni

Mario Carboni

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Chenàbura e dalla Associazione Aleph Yod col patrocinio della Fondazione di ricerca “Giuseppe Siotto” , della Associazione Imago Mundi Onlus, del Presidente del Consiglio regionale della Sardegna e la collaborazione dell’Associazione Le Officine. Il coordinamento è a cura di Mario Carboni, presidente dell’Associazione Chenàbura.

Sabato 9 settembre alle 18 nella Sala dei Ritratti della Fondazione di Ricerca “Giuseppe Siotto”, a Palazzo Siotto, a Cagliari in Via dei Genovesi 114 ci sarà la presentazione del libro “Sono una vagabonda. Liriche scelte della poetessa yiddish Kadye Molodowsky (1894 – 1975)”, tradotte da Sigrid Sohn e dalla yiddista sarda Alessandra Cambatzu, recentemente scomparsa. Relatori Vincenzo Pinto e Maria Luisa Pinna.

Eliezer Ben Yehuda

Eliezer Ben Yehuda

A seguire, relazione del professore Diego Corraine sul tema: Un personaggio della Diaspora: Eliezer Ben Yehuda Per la lingua nazionale degli ebrei.

Alle 20.30, spazio a Musicando Chagall, concerto illustrato con le immagini dei quadri del pittore Marc Chagall  in cui si racconta con la musica ebraica dell’Europa dell Este la storia degli ebrei ashkenaziti, dagli shtetl all’esodo in America e la loro influenza sulla musica americana. Sul palco Stefania Secci Rosa (voce), Matteo Gallus (violino) e Riccardo Sanna (fisarmonica).

Diego Corraine

Diego Corraine

Domenica  al Centro Culturale Il Ghetto, in via Santa Croce 18 a Cagliari, dalle 10: Spiritualità ebraica, esposizione ed esplicazione di una raccolta di oggetti  e libri riguardanti tre dei momenti fondanti la vita ebraica: la preghiera, lo studio, lo shabbat. Curatore Sergio Caschili, dell’Associazione Aleph yod – Sardegna ebraica.

Alle 18, relazione della professoressa Cecilia Tasca sul tema: La diaspora e gli ebrei in Sardegna. Storia degli ebrei in Sardegna e aspetti della vita nella Juharia cagliaritana prima dell’Editto del 1492. I Conversos o Nuovi cristiani in Sardegna, stato delle ricerche attuali

 

Condividi