A Gerusalemme il 22 marzo
riapre il Santo Sepolcro

08anastasisBig

I lavori di restauro del Santo Sepolcro sono finiti: “pellegrini, fedeli e visitatori potranno presto godere senza intralci della bellezza dell’edicola che custodisce la Tomba di Cristo. Per questa occasione, mercoledì 22 marzo si terrà nella Basilica una cerimonia di apertura”. Lo annuncia in una nota il patriarcato Latino di Gerusalemme.

epa05815882 The tomb of Jesus Christ in the rotunda of the Church of the Holy Sepulchre in Jerusalem's Old City, 26 February 2017, is seen without the iron cage which was placed around the stone tomb by the British in 1947 to keep the Edicule from falling apart. Greek archaeologists have been working since June 2016 to restore the tomb, believed to be the place where Jesus Christ was buried and then resurrected from after his crucifixion.  EPA/JIM HOLLANDER

Il restauro della tomba di Cristo era iniziato poco meno di un anno fa, nel maggio 2016. Gli ultimi lavori di consolidamento dell’Anastasis risalivano a quelli progettati dagli inglesi nel 1947, i quali non furono in grado di portarli a termine per il mancato accordo tra le tre comunità cristiane che detengono la Basilica: ortodossa, armena e francescana.

Il primo grande accordo tra le tre comunità cristiane – dopo lo status quo del 1857 – si è ottenuto l’anno scorso, intesa indispensabile per l’avvio dei lavori.

Padre Dobromir Jasztal, Vicario del Custode, descrive senza mezzi termini questo come “un momento storico per il Santo Sepolcro e per la nostra presenza in Terra Santa”.

(Ansamed)

Condividi