A spasso con Ella Lieberman

66130323_464930844291627_4563114770147835904_n

di Margheita Borsa –

A spasso per il Suck il grande brulicante mercato Mahane Yehuda a caccia di un cappello. Non un cappello qualsiasi sia chiaro, ma un classico Borsalino, un vero e proprio must, quello che indossava Humphrey Bogart, quello che realizzano ad Alessandria, anche se ormai l’azienda non è più italiana ma la svizzera Haeres Equita dell’imprenditore italo-svizzero Philippe Camperio.

Margherita Borsa 3

Margherita Borsa

64243354_347581625917446_5181596872589967360_n

Eric Dahan ed Ella Lieberman

Il Borsalino è un cappello molto diffuso a Gerusalemme, e non so perché soprattutto fra gli ebrei religiosi. Passeggio con il mio caro e prezioso amico Eric Dahan (con un piede in Israele ed uno in Italia, è sposato  con una guida turistica italiana, ma questa è un’altra storia…) quando incontriamo, una sua amica, Ella Lieberman, la moglie di Avigdor  , fondatore e leader del partito di destra Israel Beytenu, ministro della difesa sino all’anno scorso.

Breve presentazioni e Ella si unisce a noi in questa caccia al Borsalino. E’ una donna piacevole, cammina senza scorta (almeno io non ho visto nessuno…) molto semplice e di sicuro molto curiosa dell’Italia.

Le racconto di aver conosciuto suo marito qualche anno fa in una conferenza in Italia ( “ah mi dice io Avigdor non lo vedo quasi mai è sempre in giro per il mondo..” mi dice sorridendo) e le parlo delle associazioni di Italia Israele, di It, il giornale, delle iniziative alle quali ho contribuito alla realizzazione in prima persona come la mostra sulla discriminazione realizzata dall’associazione vercellesedel presidente Giacomo Ferrari.

Avigdor Lieberman

Avigdor Lieberman

E’ incuriosita, interessata, si vuole informare, aggiornare. Mi chiede delle comunità ebraiche, della sinagoghe, dei Musei della Memoria. Ma anche di come si vive in Italia, di com’è la situazione, non nascondendo una certa preoccupazione per il crescente antisemitismo che si va registrando in Europa.

Le annuncio che a fine estate un gruppo di italiani verrà in Israele capitanati dal presidente delle Associazioni Italia Israele Giuseppe Crimaldi e mi dice di essere molto interessata. Ci scambiamo i numeri di telefono, le ho promesso di farle sapere.

Il tempo è volato, deve scappare via. Ma prima di andare via per festeggiare la nostra conoscenza mi offre un dolcetto. Ci diamo appuntamento a settembre..

Ps. Il Borsalino non l’abbiamo trovato

(le foto sono di Margherita Borsa)

 

 

 

Condividi