Abu Mazen abbaia contro tutti

ABBAS-master1050

di Fiamma Nirenstein –

Mahmoud Abbas, al secolo Abu Mazen, il presidente dei palestinesi dal 2005, anno in cui si è insediato al potere senza mai più tenere elezioni, ha accumulato in tanti anni solo asti e inimicizie, e ora ne raccoglie i frutti. Invece di parlare inveisce ovunque, e non solo contro Israele di cui seguita a dire che è un regime colonialista e razzista, e quindi da distruggere. Ormai la lista dei suoi amici è inesistente, esiste solo una piramide di potere fatta di armi e di denaro, non c’è stato né processo di pace né unificazione sotto il suo comando, e i palestinesi cominciano a temere le conseguenze dei suoi aumentati sintomi di angoscia e paranoia.

Fiamma Nirenstein 3

Fiamma Nirenstein

Le sue ultime picconate colpiscono all’impazzata dentro e fuori i suoi confini geopolitici: nei titoli dei giornali palestinesi, arabi e israeliani si legge soprattutto come Abu Mazen abbia pubblicamente dichiarato lunedì l’ambasciatore americano David Friedman «un figlio di un cane», e Friedman gli ha risposto ieri di fronte alla platea di una conferenza a Gerusalemme chiedendosi se «si tratta di antisemitismo o di un discorso politico».

David Friedman

David Friedman

Questo appellativo non ha proprio lo stesso significato che ha nella nostra lingua, l’espressione non è colloquiale ma di estremo disprezzo, come quando Mubarak la usò contro Arafat che rifiutava di firmare un accordo di pace da lui garantito. Abu Mazen ha detto di Friedman, intendendo farne un paradigma dell’atteggiamento americano, che è parente di gente che risiede negli insediamenti: in pratica cioè, è anche lui un colono, e che non si capisce se sia israeliano o americano.

Abu Mazen sembra la frustrazione impersonificata: con gli americani rifiuta di parlare mentre essi stanno per presentare il loro progetto di pace, ha dichiarato il suo disprezzo per l’Egitto che non sa garantire l’accordo con Hamas, e l’Arabia Saudita perché ha interessi in comune con Israele contro l’Iran.

Federica Mogherini e Abu Mazen

Federica Mogherini e Abu Mazen

Per l’Europa conserva un po’ di cuore, e la Mogherini per Abu Mazen, cui ieri dopo averne descritto la fragilità ha tuttavia espresso la solita speranza che il processo di pace (che solo lei vede in movimento) non subisca ulteriori fermate. Il vero obiettivo politico di Abu Mazen nel suo discorso era però Hamas, cui ha annunciato sanzioni.

Ha dichiarato la sua delusione verso il fallimento del processo, ha accusato esplicitamente Hamas di aver tentato di assassinare il primo ministro Rami Hamdallah e il capo dei servizi Majed Faraj il 13 marzo. Ha detto che Hamas deve cedere il controllo di Gaza o prendersi tutta la responsabilità della situazione attuale, che come si sa è di miseria, di ferocia, di integralismo terrorista.

 (Giornale)

 

Condividi
Fiamma Nirenstein

Fiamma Nirenstein

Giornalista