Al via la costruzione
del gasdotto Giordania-Israele

epa06142202 Sinkholes are seen on the Dead Sea shore near Haditha, Jordan, 11 August, 2017 (issued 14 August 2017). Sinkholes appear when salty water recedes and fresh groundwater dissolves layers of salt creating underground cracks that collapse and sinkholes on the ground. The Dead Sea, bordered by Jordan to the east and Israel and Palestinian territories to the west, is the earthâs lowest elevation on land. It recorded a water drop level of one meter per year. The reason is the lack of incoming water, building of dams from neighboring countries, and the evaporation of water. Reduced water level in the Dead Sea threatens tourism and agriculture. Jordan and Israel signed an agreement sponsored by World Bank on 26 February 2015 to build a desalination plant in the Gulf of Aqaba and a pipeline linking the Red Sea with the Dead Sea. The project would help reviving the shrinking Dead Sea. The project is expected to start in 2018 and will take nearly three years to be completed. EPA/AHMAD ABDO ATTENTION: This Image is part of a PHOTO SET

Un accordo multimiliardario tra Israele e Giordania per il trasferimento di gas verso il regno hascemita è passato alla sua fase operativa e la Giordania ha avviato la costruzione del gasdotto lungo 65 chilometri e che si estende dal Mar Morto fino al confine con la Siria, in questi giorni teatro di una vasta offensiva russa e governativa siriana.

1530687561866.jpg--

Secondo quanto riferito da Abdel Fattah Daradka, direttore della Compagnia nazionale giordana per l’elettricità, citato dai media di Amman, la costruzione del gasdotto sarà completata alla fine del 2019 e dall’inizio del 2020 il condotto sarà operativo.
Secondo l’accordo, la Giordania importerà circa 300 metri cubi di gas, per un valore di 10 miliardi di dollari. E si stima che il regno hascemita potrà ricevere all’anno tre miliardi di metri cubi di gas da Israele, principale concorrente regionale dell’Egitto. Proprio l’Egitto era il fornitore di gas per la Giordania ma – secondo i media di Amman – una serie di ripetuti attacchi alle infrastrutture nel regno hascemita ha spinto le autorità giordane a trattare con Israele.

(Ansa)

Condividi