Alla scoperta della cucina ebraica

17799939_1470187696338517_2487396842189843346_n

Grazie all’”Associazione Italia-Israele di Foligno” e a “InUmbria Kosher”, alla XIX edizione del Festival “Primi d’Italia” ci sarà il “villaggio della cucina ebraica”. Tre primi piatti ispirati alla tradizione ebraica e realizzati con prodotti kosher, oltre a vini kosher israeliani ed italiani

Sarà un vero e proprio viaggio alla scoperta della cucina ebraica, mediorientale e dei prodotti kosher certificati. L’appuntamento è a Foligno, nel cuore dell’Umbria, dal 28 settembre al 1 ottobre con il festival Nazionale dei primi piatti.

logo-primiditalia_x2

 

In occasione della XIX edizione de I Primi d’Italia infatti verrà allestito per la prima volta il Villaggio della Cucina Ebraica realizzato da InUmbria Kosher per la società InItaly Kosher, in collaborazione con l’ “Associazione Italia-Israele di Foligno”. Un’inebriante esperienza immersi nei colori, negli odori e nei sapori di piatti della cultura ebraica. Piatti di una tradizione culinaria capace d’intrecciare i gusti dei luoghi in cui l’ebraismo della diaspora ha vissuto fuori da Israele. In linea con la manifestazione verranno presentati primi piatti della tradizione gastronomica ebraica preparati con prodotti kosher.

1120-300x300

E il viaggio non sarà soltanto enogastronomico, infatti sarà possibile partecipare al concorso VINCI ISRAELE. Tutti coloro che entreranno nel Villaggio della Cucina Ebraica e faranno una degustazione di primi piatti e/o di vini, potranno partecipare gratuitamente all’estrazione di un viaggio in Israele per due persone comprensivo di volo aereo e soggiorno a Gerusalemme e Tel Aviv (primo premio), una cassa di vini israeliani Kosher (secondo premio) e una cassa di vini italiani Kosher (terzo premio). Il concorso è organizzato grazie all’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo.

primo-3

A dare vita a questo progetto “InItaly Kosher” (società che cura la distribuzione di prodotti certificati kosher) in collaborazione con l’ “Associazione Italia-Israele di Foligno”.Non solo primi piatti dunque, all’interno del villaggio sarà possibile effettuare anche un percorso di degustazione di vini kosher e di vini israeliani kosher; inoltre presso lo spazio dedicato allo street food, si potranno apprezzare gli originali ed inconfondibili falafel.

yesh1

Il villaggio prenderà vita nella taverna del rione Contrastanga, in via Piermarini, del tutto casualmente, ma significativamente, un luogo che fino alla fine del 16° secolo era al centro del quartiere abitato dagli ebrei di Foligno, Comunità di antica origine romana che fu costretta (a seguito di persecuzioni) a disperdersi tra le montagne folignati, verso le Marche e sopratutto lungo la costa adriatica. Un’occasione per incontrare, partendo dal cibo e dal vino, la cultura ebraica italiana e mediorientale. Un viaggio affascinante oltre i propri confini. Il villaggio ebraico infatti offrirà anche musica ebraica, ricette mediorientali, incontri e sorprese.

Il Villaggio della Cucina ebraica ha il patrocinio dell’Ambasciata d’Israele in Italia in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo.

Da questa collaborazione scaturiranno progetti di reciprocità turistica tra la Regione Umbra ed Israele, accordi con agenzie di viaggio, facilitazioni per viaggi in Israele e percorsi per un turismo kosher israeliano in Umbria.

concorso VINCI ISRAELE

Ofer Sachs

Nella giornata inaugurale del festival sarà a Foligno a l’Ambasciatore d’Israele in Italia Ofer Sachs, che riceverà un premio offerto dagli organizzatori dei “Primi d’Italia”, e in rappresentanza della stessa Ambasciata, Rafael Erdreich Ministro Consigliere per gli affari pubblici e politici, Sara Ghilad Prima assistente, Avital Kotzer Adari Consigliere per gli Affari Turistici Ambasciata d’Israele e Maria Grazia Falcone Direttore Ufficio Stampa & P.R. dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo.

Nella stessa serata del 28 Settembre, “InItaly Kosher” ha organizzato una serata di gala in onore dell’Ambasciatore e del suo Staff, a cui saranno presenti personalità dell’amministrazione pubblica Umbra, imprenditori e rappresentanti delle comunità ebraiche nazionali.

 

 

 

 

Condividi