Amare gli ebrei, Odiare Israele
Baldacci a Marina di Massa

Dopo l’interruzione causa emergenza Covid-19 sono riprese nella suggestiva cornice di Villa Cuturi a Marina di Massa, le conferenze dell’associazione apuana Italia Israele di Massa-Carrara. La giovane associazione apuana ha fatto da apripista alle iniziative culturali nella Provincia di Massa Carrara, risultando la prima ad avere promosso una simile iniziativa dopo la lunga pausa dovuta alla pandemia. Ospite d’onore è stato Valentino Baldacci, docente della Scuola di scienze politiche Cesare Alfieri dell’Università degli studi di Firenze, presidente di Italia Israele di Firenze, autore del libro «Amare gli ebrei odiare Israele. Antisemitismo eantisionismo nella nostra società».

Valentino-Baldacci.

A Villa Cuturi e davanti ad un pubblico che ricordava quello delle grandi occasioni – pur nel rispetto della normativa covid-, con ospiti provenienti da diverse parti d’Italia, Baldacci si è confrontato sulla questione arabo-israeliana e più in generale sul delicatissimo tema dell’antisemitismo, vecchio e nuovo.

Moderatore del confronto pubblico a cui hanno assistito numerose persone tra locali e turisti e che ha avuto come argomento la cosiddetta «questione arabo-israeliana» e il tema dell’antisemitismo antico e moderno, è stato Davide Simone, giornalista e addetto stampa dell’associazione Italia Israele Massa-Carrara.

Tra i presenti in sala anche la consigliera comunale Eleonora Cantoni, intervenuta anche per portare i saluti del sindaco di Massa Francesco Persiani, amico di Israele e membro dell’associazione apuana.

Dopo l’ufficializzazione della nascita dell’associazione, avvenuta alla fine dello scorso anno nella sala consiliare del Comune, il primo cittadino aveva ricevuto la tessera associativa direttamente dalle mani del presidente apuano Adelindo Frulletti e «oltre a complimentarsi con noi per la creazione di questa nuova e importante realtà locale – ricorda Adelindo Frulletti – il Sindaco si è impegnato in qualità di primo cittadino, a sostenere e promuovere le nostre iniziative».

L’associazione apuana infatti è stata accolta in città da numerosi attestati di simpatia bipartisan. Tra i tesserati figurano infatti esponenti politici di ogni fazione, centro destra e centro sinistra, oltre a una nutrita schiera di storici rappresentanti comunali del partito radicale.

Ma le attività dell’ Associazione apuana continueranno per tutta l’estate, come ricorda il vicepresidente Lorenzo Mercanti « Abbiamo una serie di incontri e conferenze che riempiranno tutta l‘estate  e si svolgeranno   su tutto il territorio provinciale».

 

 

 

A

 

 

 

 

Condividi