Anche la Borsa premia Netanyahu

15160010142714_b

di Daniel Harkov –

La borsa di Tel Aviv ha accolto positivamente la riconferma di Benjamin Netanyahu ed ha aperto con un più 0,5% mercoledì. I guadagni sono stati interpretati come un sentimento di fiducia da parte degli investitori, che negli ultimi dieci anni hanno beneficiato del boom determinato dalla politica economica dei governi di Netanyahu.

Due dati esemplificativi: nel 2017 il Pil ha raggiunto il 3,3% e nel 2016 è cresciuto del 6,2 %,  superando così tutti i paesi dell’Ocse.Uno dei fattori che maggiormente ha contribuito alla crescita economica d’Israele è rappresentato dalle nuove tecnologie, e specificatamente da quelle hi-tech. Infatti, in circa 10 anni, il paese è diventato patria della ‘Silicon Valley’ del Medio Oriente, ossia la Silicon Wadi, nei pressi di Tel Aviv. Qui start up e aziende hanno potuto contare sugli investimenti di imprenditori locali e stranieri.

 

Condividi