Arrestato per traffico d’armi
un impiegato
del consolato francese

Ambasciata-Usa-a-Gerusalemme-la-svolta-di-Trump-una-pietra-tombale-al-cosiddetto-processo-di-pace_articleimage

di Giordano Stabile

Un impiegato al consolato francese a Gerusalemme è stato arrestato dalla polizia israeliana con l’accusa di traffico d’armi. L’uomo di 24 anni è sospettato di aver trasportato armi da Gaza alla Cisgiordania e aver usato il passaporto e l’auto diplomatica per evitare i controlli ai posti di frontiera. 

L’uomo è stato interrogato una prima volta il 19 febbraio, ma il caso è emerso ora ed è stato confermato dalle autorità israeliane. Oggi ci sarà la prima udienza al tribunale di Beer Sheva. L’inchiesta coinvolge anche il ministero degli Esteri israeliano e lo Shin Bet, i servizi interni dello Stato ebraico.

L’ambasciata francese in Israele ha dichiarato che «le autorità francesi stanno affrontando il caso che vede coinvolto uno dei lavoratori del consolato con la massima serietà, le autorità in Francia stanno cooperando con Israele».

(Stampa)

Condividi