Assad sa che resterà impunito

2360241_0740_fotosiria.jpg.pagespeed.ce.SoG4ohuDff

di Daniele Raineri

 Come dopo ogni massacro da parte del governo del presidente siriano Bashar el Assad, anche ieri il bisogno profondo di credere che Assad non può commettere crimini di guerra ha dato la stura a giustificazioni forzate (se pensi che gli islamisti abbiano il monopolio della cattiveria, allora Assad non può essere cattivo, giusto no? No). Molti hanno ripreso la versione fatta circolare dal ministero della Difesa russo – già preso in fallo in molte occasioni – che dice che gli aerei siriani hanno colpito un deposito di armi chimiche dei ribelli e da lì si è originato il disastro.

Daniele Reineri

Daniele Reineri

Ora, a parte che il ministero russo sbaglia l’ora dei raid aerei e dice “dopo le undici e mezza di mattina ora locale” quando invece la strage è cominciata prima delle sette di mattina – un caso di bomba retroattiva? – la versione russa per difendere Assad non regge: il sarin è un’arma chimica cosiddetta binaria, vale a dire che siccome è molto instabile, corrosiva e pericolosa non viene tenuta in magazzino già pronta all’uso, ma viene creata poco prima di un ipotetico attacco a partire da alcuni ingredienti base chiamati precursori. Sostenere che il bombardamento ha sprigionato il sarin è come dire che dopo il bombardamento di un supermercato il risultato è stato un piatto fumante di spaghetti al pomodoro (gli assadisti sono così: predicano cinico realismo, ma poi credono ai comunicati ministeriali fantasiosi).

310x0_1491302501103.Syria_rain

L’argomento negazionista più insistente è questo: cui prodest? Perché Assad doveva procedere a una rappresaglia chimica proprio nel momento in cui l’Amministrazione americana e la Russia erano allineate sulla stessa posizione e non lo vogliono rimuovere da Damasco? La risposta è proprio per questo. Continuiamo a ragionare secondo categorie puramente occidentali, come per esempio “io non mi esporrei a una situazione diplomatica imbarazzante davanti alla comunità internazionale”, ma la premessa del ragionamento è sbagliata.

05ambriefing-europe-slide-Z3LW-master675-kFUC-U43300787868584IXD-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Il presidente siriano sa che la comunità internazionale non farà nulla, se non dichiarazioni di sdegno – per non più di un paio di settimane. Sa anche che il Consiglio di sicurezza dell’Onu è bloccato e non agirà. O almeno: sapeva bene tutto questo fino a ieri, perché non aveva tenuto in considerazione l’imprevedibilità del presidente americano, Donald Trump, che in conferenza stampa dalla Casa Bianca ha detto che dopo la strage ha cambiato idea su Assad e sulla Siria dopo aver segnalato per mesi, fin dalla campagna elettorale, che non intendeva minacciare Damasco. Continuiamo tuttavia a metterci nei panni di Assad fino al tardo pomeriggio di ieri. Intanto ha galvanizzato la sua base di sostegno – sì, entusiasmato, anche se da qui pare difficile immaginarlo – che si chiedeva quanto il capo fosse ancora efficiente (è la stessa base che non inorridisce anzi è esaltata da ogni colpo inferto ai “ratti di al Nusra”, come sono chiamati tutti gli oppositori in blocco, inclusi i civili).

attacco-siria-535x300

Da quando “non conviene” colpire i tuoi nemici a costo praticamente zero e creare il panico nelle zone del paese fuori dal tuo controllo? Per sovrappiù, ha punito una cittadina che è vicina al fronte dove nelle settimane scorse i gruppi armati sono stati molto attivi – hanno provato ad attaccare la città di Hama. In passato il governo di Damasco ha dato ordini più distruttivi, per esempio di lanciare i missili balistici Scud contro quartieri di Aleppo (nessuno contesta questo fatto), perché il bombardamento di martedì dovrebbe portare a un esito diverso? Gli svantaggi sono effimeri, i vantaggi saranno duraturi.

Con questa operazione Assad ha sigillato il suo trionfo diplomatico di impunità e resistenza sul lungo termine in faccia all’occidente. Gli israeliani, che gli sono vicini di casa e monitorano la situazione in Siria con attenzione, dicono che la rappresaglia con armi chimiche è stata una dimostrazione di forza, appena la situazione lo ha consentito. Sanno, perché non hanno il lusso di fraintendere la realtà mediorientale, che il rais è il rappresentante di una dinastia baathista che controlla il paese dal 1971 – da una posizione assolutamente minoritaria. Assad vive di conferme del proprio potere, ma se non ci fossero russi e iraniani quel poco che resta del suo esercito non riuscirebbe nemmeno a tenere la piccola Palmira. Essere pericolosi paga, altro che “non gli conveniva”.

  (il Foglio )

 

 

Condividi