Stoccolma, fermato un uomo

attentatore

Il camion che ha travolto la folla a Drottninggatan, nel centro di Stoccolma, era di proprietà della società Spendrups. Lo riferisce Aftonbladet. Il mezzo è stato dirottato o rubato mentre l’autista era in procinto di effettuare una consegna ad un ristorante. Il camion usato nell’attacco distribuiva birra per conto della società Spendrups. «È uno dei nostri veicoli per la distribuzione. Durante una consegna al ristorante Caliente, qualcuno è saltato nella cabina di guida e ha messo in moto mentre l’autista stava scaricando», ha riferito un portavoce della società citato sui media svedesi. L’autista del camion piombato sulla folla a Stoccolma «indossava un passamontagna». Lo riferiscono testimoni citati dal Daily Mail.

22d2284c793a78dedaf6cbf88da98598

La zona del presunto attentato è la stessa in cui l’11 dicembre 2010 saltarono in aria due autobomba, in quello che all’epoca fu il primo attentato suicida nei paesi scandinavi. La prima esplose alle 16.48 all’incrocio tra Olof Palme Street e Drottninggatan, la seconda alle 17.00 all’incrocio tra la stessa Drottninggatan e Bryggargatan.

Le auto erano state caricate con sei bombole di gas liquefatto, di cui solo una esplose provocando solo feriti, ma la polizia valutò che se gli ordigni avessero funzionato pienamente l’effetto sarebbe stato simile alla strage compiuto dalla bomba posta al traguardo della maratona di Boston. Nei pressi di una delle due vetture venne trovato il corpo di un kamikaze, successivamente identificato come Taimour Abdulwahab al-Abdaly, un cittadino svedese nato in Iraq.

 

Condividi
Giuseppe Crimaldi

Giuseppe Crimaldi

Giuseppe Crimaldi, giornalista