Bambino palestinese
vive con il cuore
di un bambino israeliano

AEF686D7-F3F2-4D2E-A75F-F0E9925E11831181x563

La vita di un bebépalestinese, Mussa Assaqra, e’ stata salvata in extremis questo mese grazie alla donazione del cuore di un coetaneo israeliano, morto per una malattia, e ad un complesso trapianto condotto nel Centro medico Tel ha-Shomer di Tel Aviv. Mussa Assaqra, un bebédi 18 mesi afflitto da un difetto cardiaco, era stato ricoverato ripetutamente in un ospedale di Ramallah (Cisgiordania).

Alcuni mesi fa era stato sottoposto a cure avanzate nell’ospedale Tel ha-Shomer (Sheba), ma le sue condizioni si erano egualmente aggravate e Mussa era stato collegato ad un apparecchio che simula il funzionamento del cuore e dei polmoni. Quando ormai si trovava in condizioni disperate è giunta la notizia della morte di un coetaneo israeliano, i cui genitori acconsentivano al trapianto degli organi. La vita di Mussa, precisa Ynet, è stata salvata in extremis. La nonna del bebé palestinese, Tamer Assaqra, ha detto al sito Ynet che vorrebbe ora incontrare i genitori del bebé israeliano. ”Mi auguro che episodi come questo – ha aggiunto – servano ad avvicinare i due popoli”.

(Shalom)

Condividi