Bologna, poveri noi…
Il tortellino dell’accoglienza

tortellini-s

Matteo Zuppi

di Franco Meda

Venerdì il grande debutto, nel giorno di San Petronio, il patrono di Bologna, nel classico tradizionale giorno della distribuzione di tortellini a piazza Maggiore. Sarà il debutto del tortellino dell’accoglienza.  

tortellino-861270_tn

E cioè? Sarà una ricetta profondamente modificata se non nella pasta, comunemente detta sfoglia, ma, nel ripieno: anziché la collaudata carne di maiale nelle sue tre forme, lombo, mortadella e prosciutto, ci finirà il petto di pollo, oltre naturalmente al parmigiano reggiano, all’uovo e alla noce moscata.

monsignor-silvagni-vescovo-di-bologna-1217564_tn

Monsignor Giovanni Silvagni

Ebbene sì, il vescovo di Bologna Matteo Zuppi ha deciso di rivoluzionare il tradizionale tortellino per non realizzarne politicamente corretto, per i musulmani, bandita la carne di maiale, via libera al pollo.

“Per la sua forma – ha spiegato il vicario generale dell’arcidiocesi di Bologna, monsignor Giovanni Silvagni – il tortellino ricorda un qualcosa che abbraccia tutti… “

 

Condividi