Canada, negato l’asilo politico
all’israeliano attivista del Bds

di Nick Ginbel –

Un attivista israeliano che ha chiesto asilo in Canada come rifugiato è stato espulso e verrà rispedito in Israele. L’agenzia canadese di servizi di frontiera non si sta muovendo per farlo partire immediatamente, a causa delle restrizioni ai viaggi durante la pandemia di coronavirus

Gilad Paz

Gilad Paz, 38 anni, attivista di Amnesty International Israele, che si identifica come parte del movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni contro Israele, vive a Montreal dal 2016. Un avvocato autonomo prima di lasciare Israele, militante del partito di sinistra Meretz, Paz chiesto asilo politico in Canada perché affermava di essere “perseguitato politicamente” in Israele.

Dopo essersi stabilito a Montreal, l’allora Console Generale di Israele, Ziv Nevo Kulman, respinse la pretesa di rifugiato di Paz come “assurda”.

 

Condividi