C’è la tregua ma Netanyahu
mantiene le forze corazzate
schierate al confine con Gaza

cc92bbbc62094c4c80294a99dedd3e7a-1140x430
di David Sinai –
 “Ho ordinato la continuazione della mobilitazione dei nostri soldati e ho ordinato di tenere schierate le forze corazzate e d’artiglieria intorno alla Striscia di Gaza. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu poche ore dopo il  cessate il fuoco ha affermato che è “chiaro che questa non è la fine della campagna”.

cba619e6-6e3e-11e9-a5c1-a0dcc7d66801_2019-05-03T162207Z_884191321_RC1146EAC4F0_RTRMADP_3_ISRAEL-PALESTINIANS-PROTESTS-ksWB-U11203171926610LQ-1024x576@LaStampa.it

Netanyahu insomma, giustamente, tiene ancora alta la guardi sa bene quanto da sempre il cessate il fuoco proclamato da Hamas sia fragile. Le Forze di Difesa Israeliane hanno dichiarato che circa 700  razzi e altri proiettili sono stati lanciati nelle città e nei villaggi meridionali israeliani. Israele ha reagito, si è difesa, bombardando  320 siti terroristici.

Il fuoco è cessato, dopo che funzionari palestinesi hanno detto che l’Egitto, il Qatar e le Nazioni Unite avevano mediato una tregua, e proprio mentre gli abitanti di Gaza si preparavano a iniziare il mese sacro musulmano del Ramadan.

 

 

Condividi