Centauro sulle ali del vento

68483220_10157238163771855_8036010684149923840_o

di Dror Eydar –

Sono anni che vado in moto. Forte, veloce che è come cavalcare una tigre, una tigre selvaggia. Le auto non mi dicono niente, non mi “parlano”, nemmeno quelle più sofisticate. A me sembrano una casa a quattro ruote. Non è così con una moto. Soprattutto se la moto  è Ducati, 220 cavalli, un motore divino, il lusso della creazione italiana.

68483220

Un mostro di tecnologia, un’opera che l’occhio non si stanca mai di guardare perché è come una scultura classica con in più una vera anima.  Già perché chi ama la moto, queste opere d’arte a due ruote, credete a me, vede crescere la sua anima. Alla Farnesina, al Ministero degli Affari esteri italiano, al posto di una statua antica, è esposta una bellissima Ducati Panigale,
La tuta, i guanti e il casco e poi sulle ali del vento. Sono andato in moto anche il mio figlio maggiore, lui ha una “dolce” moto 125 di cilindrata.  Abbiamo cavalcato un po’ insieme, padre e figlio, sulle strade rotonde vicino casa, abbiamo volato insieme, ci siamo divertiti insieme. Due centauri sulle ali del vento…

 

 

Condividi