Chorev lancia l’allarme
“il pericolo viene dal mare”

070717-hezbollah-1

di Lorenzo Vita –

Israele continua a ritenere l’attacco via mare uno dei possibili scenari di un’eventuale guerra con le milizie di Hezbollah. Non è la prima volta che funzionari e consiglieri israeliani parlano di un possibile fronte marittimo che si andrebbe a creare fra i due eserciti, ma se la marina militare israeliana ha ovviamente una potenza di fuoco estremamente maggior di quella del movimento sciita libanese, dall’altra parte Hezbollah potrebbe utilizzare tattiche di guerra asimmetriche che possono mettere in serio pericolo la sicurezza di Israele e del suo mare.

Lorenzo-Vita--320x320

Lorenzo-Vita-

Questa volta a lanciare l’allarme è Shaul Chorev, ammiraglio, ex vicecomandante delle operazioni navali, che ha detto la sua durante un convegno organizzato dal Centro di ricerca per la politica e la strategia marittima dell’Università di Haifa.

maxresdefault

Shaul Chorev

“Hezbollah non avrà bisogno di equipaggiarsi con navi come Israele, ma dobbiamo presumere che useranno una guerra asimmetrica per sfidare la tecnologia israeliana come missili terra-mare o navi suicide come si vede in Yemen“, queste le parole di Chorev al convegno. Parole particolarmente interessanti poiché, dà un segnale inequivocabile di come molti funzionari della marina israeliana vogliano pianificare a fondo la possibilità di un attacco via mare in caso di confronto bellico con il movimento sciita libanese. E il paragone con quanto sta avvenendo in Yemen fa capire anche quanto il conflitto yemenita incide nelle dinamiche del confronto fra Israele e Iran (e Hezbollah).

LAPRESSE_20170729213539_23912094-1-768x513

Secondo Chorev, anche se non è nell’interesse di Hezbollah iniziare una guerra con lo stato ebraico, “quando si guarda alla loro strategia, è chiaro che prenderanno di mira le risorse strategiche israeliane” ed ha avvertito che “la prossima guerra con Hezbollah potrebbe vedere un focus sul mare”.

La possibilità di un attacco via mare in caso di inizio delle operazioni contro Hezbollah da parte di Israele nasce da una motivazione molto precisa. Per molti anni i governi israeliani hanno quasi “dimenticato” il dominio del mare, perché concentrati sulla sfida ai vicini Stati arabi o interessati a colpire i palestinesi e lo stesso Hezbollah esclusivamente via terra. Il problema è che adesso, appurato che gli Stati arabi non inizieranno mai – né per necessità né per volontà – una guerra contro Israele, la debolezza della sicurezza israeliana non sta più nel mantenimento o nell’allargamento dei confini terrestri, ma nel mantenimento della propria economia e dei propri asset strategici. E la maggior parte dell’economia israeliana passa proprio per quel settore dimenticato della strategia che è il mar Mediterraneo. Il 90% delle importazioni israeliane arrivano via mare.

gaz-israel

A questo, si aggiunge la scoperta dell’enorme giacimento Leviathan nel Mediterraneo orientale, che rende le acque territoriali di Israele un’area di particolare rilevanza economica ma soprattutto strategica. Difendere il mare dunque diventa per Tel Aviv non solo un problema di natura difensiva, ma anche un preciso obiettivo strategico per mantenere la propria potenza economica nella regione del Mediterraneo orientale. E la disputa con il Libano sulle trivellazioni di gas nelle acque di fronte al confine fra i due Stati dimostra come vi possano essere motivi molto pragmatici per cui, in caso di guerra, il confronto possa giocarsi anche in questo nuovo fronte bellico. E non a caso Israele ha già attivato l’Iron Dome marittimo allo scopo di fermare eventuali missili provenienti dal Libano verso le piattaforme off-shore.

070717-hezbollah-4

In questa logica di rifondare la Difesa israeliana anche per ciò che concerne la marina e la protezione delle preziose acque territoriali, Hezbollah, stando al confine della zona di sovranità marittima di Israele rappresenta una delle chiavi della sua sicurezza. E in questo, c’è chiaramente l’intento di fermare non tanto il movimento sciita libanese, quanto la possibilità che esso si trasformi in un avamposto dell’Iran a pochi chilometri dal confine israeliano e che possa minacciare quegli asset strategici nel mare. Come riporta il Jerusalem Post, “L’Iran – che sostiene il regime di Assad in Siria – partecipa alla guerra insieme alla Russia e ha sfruttato la situazione per migliorare il suo status nella regione a quasi quello di una superpotenza regionale”, ha scritto Chorev nella “2017-2018 Maritime Strategic Assessment for Israel”.

E, sempre secondo Chorev, la repubblica islamica dell’Iran “è sul punto di raggiungere il Mediterraneo, compreso l’uso dei porti siriani da parte della marina iraniana”. E sono quei porti, secondo l’ammiraglio israeliano, il vero problema di Israele, e che dovrebbe essere limitato proprio dalla presenza russa nella regione. “I russi sono venuti in Medio Oriente prendendo il posto degli americani, che hanno trascurato il Mediterraneo orientale”, ha detto Chorev. Ed ha aggiunto che è Mosca a dover limitare le operazioni iraniane. Con il chiaro intento di ribadire quanto già espresso da Netanyahu a Putin nell’ultimo incontro di Sochi.

(Giornale)

Condividi