Col cuore in gola, Yom Hazikaron

Israeli soldiers and bereaved families visit graves of fallen soldiers at Mount Herzl military cemetery in Jerusalem, on the Israeli Remembrance Day, which commemorates Israel's fallen soldiers and Israeli civilians killed in terror attacks, on May 05, 2014. Photo by Hadas Parush/Flash90

Yom Hazikaron: la giornata dedicata alla memoria dei soldati caduti e delle vittime del terrorismo. Mercoledì mattina alle 11.00 tutto il paese si ferma al suono delle sirene per ricordare i 23.741 soldati morti in servizio a partire dal 1880 (anno di inizio della moderna comunità ebraica sionista) e dei 3.150 civili uccisi in attentati terroristici dall’istituzione dello stato.

Questo numero include i quattro israeliani uccisi negli attacchi missilistici da Gaza dello scorso fine settimana. Dallo Yom Hazikaron 2018 sono 13 i civili aggiunti all’elenco. Israele ricorda anche tutti i cittadini che hanno perso famigliari stretti a causa di attentati contro civili, tra cui 897 genitori che hanno perso figli e 119 bambini che hanno perso entrambi i genitori.

Yom-HaZikaron-8.jpg

Dall’anno scorso, sono stati aggiunti all’elenco dei militari caduti in servizio 56 nomi, oltre a 40 veterani delle Forze di Difesa israeliane deceduti nell’ultimo anno a seguito di ferite e disabilità subite in servizio.

Il Ministero della difesa israeliano stima che più di un milione e mezzo di israeliani visiteranno mercoledì i 52 cimiteri militari e le altre centinaia sepolture militari presenti in tutto il paese dall’estremo nord di Kiryat Shmona all’estremo sud di Eilat.

(Israelenet)

Condividi