Controffensiva israeliana in Siria
l’attacco «più massiccio dal 1974»
23 morti, distrutte le basi iraniane

epa06724727 A handout photo made available by government-affiliated Syrian Military Media is said to show Syrian air defense missiles intercepting missile strikes over Damascus, Syria, 09 May 2018 (issued 10 May 2018). According to Syrian official media reports, the air defense was responding to a new wave of Israeli missile strikes. EPA/SYRIAN MILITARY MEDIA HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

 di Giordano Stabile –

Israele ha condotto l’attacco aereo «più massiccio dal 1974» in Siria dopo che le forze speciali dei Pasdaran hanno lanciato «oltre 20 razzi» sulle postazioni delle forze armate israeliane sulle Alture del Golan. Il nuovo scontro, mentre salgono le tensioni fra Ira, Usa e Israele per il ritiro statunitense dall’accordo sul nucleare, avvicina ancora di più il rischio di una guerra nella regione. L’aviazione israeliana ha risposto con raid su «decine di postazioni» iraniane, anche «in profondità» nel territorio siriano. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani sono almeno 23 le persone uccise in Siria.  

Giordano Stabile

Giordano Stabile

La Russia è stata «avvertita» in anticipo della rappresaglia. Ieri il premier Benjamin Netanyahu ha incontrato a Mosca il presidente Vladimir Putin proprio per discutere della «minaccia iraniana in Siria» e ha ribadito il suo diritto «a difendersi».

Le forze anti-aeree presenti in Siria non hanno reagito e i russi avrebbero ordinato anche alle forze armate siriane di non rispondere, secondo fonti vicine al governo di Damasco.

Qassem Suleimani

Qassem Suleimani

L’Intelligence militare israeliana è convinta che l’attacco conrazzi sul Golan sia stato ordinato dallo stesso comandante delle forze speciali dei Pasdaran, generale Qassem Suleimani, che coordina anche tutte le milizie sciite alleate dell’Iran dall’Iraq, alla Siria, al Libano. «Eravamo preparati – ha spiegato il portavoce delle forze armate israeliane Ronen Manelis – e Al-Quds, le forze speciali iraniane, hanno pagato un prezzo molto alto». Il portavoce ha aggiunto che Israele “non cerca l’escalation” ma è preparata «a ogni scenario: abbiamo colpito infrastrutture che l’Iran sta costruendo da oltre un anno, tutti i bersagli sono stati distrutti».

391217

Fonti della sicurezza israeliana hanno confermato che si è trattato del più massiccio attacco aereo in Siria “dal 1974”, quando Siria e Israele hanno raggiunto un accordo “di disimpegno” che ha garantito oltre 40 anni di stabilità sul Golan, nonostante i due Paesi siano ancora formalmente in guerra.

L’accordo, raggiunto con la mediazione di Henri Kissinger, è stato uno dei più stabili in Medio Oriente, ma è stato scosso dalla guerra civile in Siria che ha portato le forze siriane e milizie sciite alleate a contatto con quelle israeliane nella zona di Quneitra, dopo che i ribelli jihadisti hanno prima cacciato i Caschi Blu dell’Onu che facevano da cuscinetto, e poi sono stati sconfitti dalle forze di Bashar al-Assad e si sono ritirati. Nella zona ora operano anche l’Hezbollah libanese e le forze speciali dei Pasdaran.

(Stampa)

Condividi