Da Brexit a Trump
L’inadeguatezza dei partiti
alle urgenze del tempo

foto-x-art-Alfredo-Luis-Somoza

di Enrico Mentana –

 Ho l’impressione ben precisa che tutte queste grandi manifestazioni di protesta contro Trump – al di là del fatto che ogni corteo pacifico è un’arma di libertà da preservare – siano una nuova spia della deriva elitaria che sta segnando le nostre democrazie di fronte alla crescita degli “altri”. 

mentana2

Enrico Mentana

Si ripete a ruoli invertiti quella reazione che cinquant’anni fa ebbero i benpensanti di tutto l’occidente di fronte alle proteste che avrebbero cambiato il mondo. “Dove andremo a finire?”: dove decideranno gli elettori, è come sempre l’unica risposta possibile.
Oggi si nasconde sotto il tappeto il fatto che mezza America ha votato per Trump nonostante il martellamento dell’intera informazione scritta e di quasi tutta quella televisiva (esclusa Fox). È vero che nel voto popolare Hillary è stata avanti di 3 milioni: ma è ovvio da secoli che il meccanismo di elezione è un altro, e che nelle grandi città liberal Trump è stato minoritarissimo (la somma dei distacchi nel voto popolare tra California, Massachusetts e stato di New York è di 8 milioni a favore della Clinton).

C_2_articolo_3016678_upiImagepp

Donald Trump

Quando nel suo discorso dopo il giuramento Trump ha parlato di “loro” e “voi” aveva ben presente questo: di essere maggioritario nell’America profonda, che non sta a Manhattan, Boston o San Francisco.
Ed è lo stesso che è accaduto a Londra e in Gran Bretagna con la Brexit: anzi, lì ancora di più, perché l’idea anti-establishment non si incarnava nel volto di un leader.
E per parlarci ancora più chiaro: in Italia guardano con favore alle idee di Trump, così sbeffeggiate dalla maggior parte dei commentatori, tre forze politiche, in modo aperto, M5s, Lega e FdI. Sommate i loro voti secondo i sondaggi e capirete perché delle elezioni col turno di ballottaggio si parla sempre meno.
Ma il punto principale è un altro: o le forze tradizionali della democrazia trovano il coraggio di adeguare le loro elaborazioni e quindi le loro politiche alle urgenze del tempo nuovo, o rischiano il tramonto che la storia ha riservato a tutte le aristocrazie. “Sapesse contessa..”

Condividi