Disimpegno accordi con Israele
Ora l’Autorità Palestinese
vuole puntare sul porto di Aqaba

Una partenership per promuovere la zona franca strategica di Aqaba, porto principale della Giordania, una zona che mira a diventare un hub per il Medio Oriente e il Nord Africa. E' quello firmato dall'Ansa e dall'architetto Kamel Mahadin, a capo dell'Aqaba Apecial Economic Zone (Asez), 8 novembre 2012. ANSA

Il porto di Aqaba in Giordania, sul mar Rosso

66455177_357391198305855_5346773549493256192_n

Nel contesto di misure di progressivo disimpegno dagli accordi con Israele, l’Autorità nazionale palestinese sta esaminando la opportunità di avvalersi maggiormente del porto di Aqaba (in Giordania, sul mar Rosso) piuttosto che dei porti israeliani di Ashdod e Haifa. Insomma un cambio di gestione notevole. La seconda mossa dopo la messa in discussione della suddivisione delle aree degli insediamenti in Cisgiordania. L’eventuale utilizzazione del porto di Aqaba è stata  riferita dal ministro palestinese dei trasporti Asim Salim, citato da media giordani. Nel frattempo il premier palestinese Mohammed Shtayeh ha in programma una visita in Giordania per rafforzare i rapporti commerciali.

epa07537972 Prime Minister of the State of Palestine Mohammad Shtayyeh at the start of an annual spring meeting of the international donor group for Palestine (AHLC) at the European Commission in Brussels, Belgium, 30 April 2019. EPA/STEPHANIE LECOCQ

Mohammad Shtayyeh

Da parte sua il giornale al-Araby riferisce oggi che sono iniziati i lavori di una commissione insediata dal presidente Abu Mazen per verificare se e come sia possibile sganciare gradualmente l’Anp dagli impegni sottoscritti con Israele negli accordi di Oslo.

Ciò in segno di protesta per una serie di violazioni degli stessi accordi attribuita dall’Anp ad Israele.

Secondo il giornale per ora i lavori della commissione vanno a rilento per contrasti fra una corrente più rigida e un’altra più pragmatica. Oggi intanto il ministro delle finanze dell’Anp si incontrerà a Gerusalemme col direttore generale del ministero delle finanze.

(Ansamed)

Condividi