Donald, l’Onu e il Male

trump-748511

di Fiamma Nirenstein –

Donald Trump ha tenuto un discorso da statista, con uno sfondo dottrinale ambizioso, un discorso antiglobalista ma internazionalista, con al centro gli Usa in testa allo schieramento democratico, in lotta per un mondo diverso, pena la resa e il declino.

Fiamma Nirenstein

Fiamma Nirenstein

L’introibo tutto nazionale, sulla pena e l’orgoglio dopo i cicloni, gli ha dato agio di partire dalla sua gente per allargarsi al politico e teorico in stile deciso, popolare, contro i politicanti impersonati in questo caso dall’Onu stessa, pigra, affarista, che ha mangiato più di nove miliardi di dollari del contribuente americano restituendo soltanto inefficienza, incapacità, esaltazione dei regimi autoritari, odio per gli Usa.

174652553-8c655ffa-22d5-4bfb-89f4-d9fcb53fce60

Il messaggio è: se non cambiate, i nostri soldi li impegneremo meglio in un’impresa adatta ai valori americani. E li ripete: libertà, rispetto per i diritti umani, decenza, rispetto reciproco, sacrificio per le cause per cui gli americani, nella storia, hanno dimostrato di esser pronti a morire….

E disegna proprio quello che Obama ha sempre evitato, un mondo in cui il male esiste e si annida in Stati canaglia, terrorismo, comportamenti aggressivi, odio per i nostri valori, persecuzioni dei dissidenti. Trump all’improvviso sembra Bush dopo l’attacco alle Twin Towers, non ha paura di affermare che il nemico deve essere fermato con tutti i mezzi.

corea-del-nord-dittatore

Kim Jong-un, il dittatore della Corea del Nord

La Corea del Nord viene descritta per il mostro che effettivamente è per la sua disseminazione della paura e della morte fra i suoi cittadini. E va diritto nel teorico più classico: «Se gli uomini giusti non fronteggiano il malvagio, il male trionferà». Ha detto, che sollievo, che è imbarazzato dal pessimo accordo, che «invece di usare le sue risorse per migliore la vita degli iraniani, gli introiti del petrolio vanno agli hezbollah e ad altri gruppi terroristi che uccidono musulmani innocenti e attaccano i loro vicini arabi e Israeliani» oltre a «reggere la dittatura di Assad, infiammare la guerra in Yemen e minare la pace di tutto il Medio Oriente».

4bk9efc60c2e87eg2p_800C450

Sfilata militara a Theran

Chi osa mai dire che l’Iran è il maggior finanziatore del terrorismo nel mondo e il persecutori dei suoi cittadini? E fra i paesi che devono cambiare per sopravvivere, Trump elenca anche Cuba e del Venezuela. Contro i fanatismi c’è l’America della Realtà, grande ispiratrice di giustizia: ripete Amerca first ma duro, minaccioso, promette che questa America si occuperà di tutti: non dovete essere democratici, no, ma rispettate la democrazia.

L’Onu è tutta un brivido: guerra al terrore, niente globalismo, niente caos, ordine, nazione. Eh già, proprio loro. Ma a Trump si può credere? Beh, un bel discorso adatto alla temperie difficilissima in cui il mondo naviga, l’ha saputo preparare.

(Giornale)

Condividi
Fiamma Nirenstein

Fiamma Nirenstein

Giornalista