Dopo la strage in sinagoga
giornale di Pittsburgh
in edicola col titolo in ebraico

a4bc04ce-deb2-11e8-830c-21b273b0f378_pittsburgh-k8PD-U1120993174170MaC-1024x576@LaStampa.it

di Amanda Gross –

 È ancora forte negli Stati Uniti l’eco della strage compiuta sabato scorso nella sinagoga Tree of Life di Pittsburgh dal fanatico Robert Bowers, che ha ucciso 11 persone. L’intera comunità è rimasta scossa, tanto dal portare la testata cittadina Pittsburgh Post-Gazette a uscire in edicola con un titolo in ebraico. Si tratta della prima frase della benedizione del Kaddish, la preghiera per i defunti. Sotto di essa un’immagine del funerale delle vittime del folle gesto.

162642258-7d7cb5d0-9c94-46d3-bd40-218b3e76343a

Robert Bowers

Robert Bowers

Bowers si è dichiarato non colpevole. Sul capo dell’uomo, 46 anni, pendono 44 capi di imputazione tra cui omicidio e crimini di odio, e i pubblici ministeri vogliono la pena di morte. Le autorità hanno definito l’attacco il peggior crimine antisemita nella storia degli Usa.

 

 

 

 

 

 

Condividi