Duemila contagi in 24 ore
Varata una legge speciale
Entrerà in vigore il 10 agosto

Ebrei ultraortodossi a Gerusalemme pregano in strada davanti alla sinagoga chiusa per l’emergenza covid-19

Israele, alle prese con la seconda ondata di coronavirus, ha superato la soglia record dei 2mila contagi nelle ultime 24 ore. Lo ha fatto sapere il ministero della sanità secondo cui da ieri le infezioni sono state 2.032 portando il totale da inizio pandemia a 56.748 casi. Di questi, 32.755 sono in fase attiva con 295 pazienti in gravi condizioni e 79 collegati ai ventilatori. Con 3 nuove morti, il totale delle vittime segna ora la cifra di 433.
La Knesset ha intanto approvato in via definitiva la legge che dà al governo maggiori poteri di imporre misure restrittive.
La nuova legge – che entra in vigore il 10 agosto ed è stata approvata con 48 voti a favore e 35 contrari – bypassa in sostanza il potere di controllo da parte della Knesset stessa: prevede infatti che l’assise debba pronunciarsi in 24 ore sui provvedimenti del governo, altrimenti questi entrano subito in vigore.

La legge in questione è stata presentata dalla maggioranza di governo con lo scopo di neutralizzare il potere di veto della Commissione Coronavirus della stessa Knesset che in queste ultime settimane ha rovesciato, con grande clamore, le misure assunte dal governo di Netanyahu. Non ultima quella relativa ai ristoranti, chiusi dall’esecutivo e riaperti dalla Commissione.

(Ansa)

Condividi