E finalmente l’Unesco restò sola
Anche Israele va via

Netanyahu-01_3328152b

Binyamin Netanyahu

Il primo ministro Binyamin Netanyahu ha annunciato che anche Israele uscirà dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura  dopo la decisione presa dagli Stati Uniti per l’appunto di abbandonare l’Unesco.

L’Ufficio del Primo Ministro ha rivelato che Netanyahu aveva già invitato i diplomatici del suo paese a prepararsi alla uscita di dall’UNESCO. Netanyahu ha sottolineato di aver “accolto con favore la decisione del presidente Trump di ritirarsi dall’UNESCO. Una decisione coraggiosa e morale perché l’organizzazione dell’Onu era diventata il teatro dell’assurdo che invece di preservare la storia la distorceva”.

images

Danny Danon

L’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Danny Danon ha elogiato la decisione dell’amministrazione Trump. “L’UNESCO era diventato un campo di battaglia per Israele. La decisione di oggi è un punto di svolta per l’UNESCO. Le risoluzioni assurde e vergognose dell’organizzazione contro Israele hanno avuto le estreme conseguenze che meritavano conseguenze. C’era un prezzo da pagare per la discriminazione contro Israele. Ed è arrivato il giorno di pagare…”

(Arutz Sheva)

 

 

Condividi