Superman e Batman
sono israeliani

ESTRELLAS-DC-COMICS-Batman-Superman_CLAIMA20130721_0142_14

di Stefano Priarone –

E’ un dato di fatto che gli ebrei americani hanno creato gli albi a fumetti: Siegel & Shuster, i creatori di Superman, ne sono stati i fratelli Lumière, Jack Kirby il Cecil B. DeMille e Will Eisner il D.W. Griffith››. A parlare è lo studioso americano di comics Adam McGovern egli stesso ebreo.

Stefano Priarone

Stefano Priarone

Quando esce il numero 1 di Action Comics, con data di copertina giugno 1938, dove debutta Superman, il comic book, l’albo a fumetti, è un medium nuovo: per anni i fumetti venivano pubblicati solo sui quotidiani, in strisce in bianco e nero nei giorni feriali, e in pagine a colori nell’inserto domenicale, se i cartoonist che lavoravano sui quotidiani erano considerati giornalisti, quelli all’opera sugli albi a fumetti erano visti come mezzi falliti che non erano riusciti ad approdare alla grande stampa.

Adam McGovern

Adam McGovern

‹‹All’epoca negli Stati Uniti gli ebrei erano esclusi da varie occupazioni a causa dei pregiudizi nei loro confronti – continua infatti McGovern. Ma quello dei fumetti era un campo nel quale potevano entrare: gli albi erano rivolti solo ai ragazzini, nessuno vi prestava attenzione. E così il medium diede agli ebrei (ma anche a non pochi italiani, anch’essi vittime di pregiudizi) un’opportunità, come avrebbe fatto in seguito il rock ’n’ roll per gli afroamericani e per i bianchi delle zone rurali››.

Superman_SS_09Erano ebrei gli autori: Siegel e Shuster, Bob Kane e Bill Finger creatori di Batman nel 1939, Will Eisner creatore nel 1941 dell’eroe noir Spirit e dagli anni Settanta autore di fondamentali romanzi a fumetti, Stan Lee e Jack Kirby che nel 1961, con altri autori «gentili» come Steve Ditko e John Romita avrebbero dato vita al cosiddetto Universo Marvel (Fantastici Quattro, Spider-Man, Hulk).

Siegel e Shuster

Siegel e Shuster

E anche gli editori: come Harry Donenfeld della National Periodical Publications (adesso DC Comics) o Martin Goodman della futura Marvel Comics. Stan Lee (vero nome Stanley Lieber) viene infatti assunto, giovanissimo, da Goodman perché suo parente acquisito.

finger_kane

Finger e Kane

E l’origine ebraica si riflette nelle storie: molti supereroi sono ebrei con nome anglicizzato, come i loro autori (Jack Kirby in realtà si chiamava Jacob Kurtzberg), Superman è una sorta di nuovo Sansone (non c’entra nulla con l’Übermensch di Nietzsche e dei nazisti), la zia May di Peter Parker alias Spider-Man è la classica, oppressiva mamma ebrea, il potentissimo essere alieno Galactus affrontato dai Fantastici Quattro è una sorta di versione a fumetti del Dio dell’Antico Testamento. ‹‹Immigrati o figli di immigrati nel Nuovo Mondo, gli ebrei hanno costruito i mondi fantastici del fumetto››, conclude McGovern.

 (Stampa)

 

Condividi