Ecco la verità del raid israeliano
Il misterioso cargo Mahan Airlines

Il tracciato del volo dell'aereo di linea Mahan c

Il tracciato del volo dell’aereo di linea Mahan

di Yair Shalom –

Sia le circostanze eccezionali che circondano l’attacco di domenica vicino a Damasco, che è stato attribuito a Israele, sia la risposta della Siria potrebbero indicare una nuova direzione nella “guerra tra guerre” e sollevare una serie di domande. L’esercito russo in Siria ha detto che sono stati gli aerei israeliani a lanciare missili aria-superficie sul Mar Mediterraneo, verso obiettivi nell’area dell’Aeroporto Internazionale di Damasco. Contrariamente alla maggior parte degli attacchi precedentemente attribuiti a Israele, per i quali il primo ministro Benjamin Netanyahu ha assunto una parziale responsabilità, l’attacco di domenica ha avuto luogo nel pomeriggio, durante le ore diurne. Al momento dell’attacco, un aereo passeggeri/cargo iraniano stava arrivando per l’atterraggio all’aeroporto internazionale di Damasco. L’aereo apparteneva alla compagnia di aviazione iraniana Mahan Airlines.

index

Il quartier generale di Mahan è a Teheran; la compagnia opera presso l’Aeroporto Internazionale Imam Khomeini e dispone di una vasta flotta di aeromobili, circa 60 in tutto, la maggior parte realizzati in Europa.

Nel 2009, la società ha illegalmente preso tre Boeing 747 dalla società europea Blue Sky Airlines, utilizzando fatture di vendita contraffatte. La compagnia si è rifiutata di restituire gli aerei, cosa che non sorprende, visto il boicottaggio americano sulla vendita di velivoli di qualsiasi tipo verso l’Iran dalla rivoluzione islamica del 1979.

Mahan vola su voli nazionali e internazionali: nel dicembre 2011 gli Stati Uniti  l’hanno dichiarata una società sottoposta a embargo con l’accusa di sostenere il terrorismo e di servire le guardie rivoluzionarie iraniane. Annunciando il suo embargo sulla compagnia, il Tesoro degli Stati Uniti ha detto che serve principalmente l’élite Quds Force delle Guardie rivoluzionarie, che opera nelle arene internazionali e del Medio Oriente, sta aiutando Hezbollah e l’esercito siriano, operando contro Israele e cercando di affermarsi Siria.

l sistema di difesa missilistico israeliano Iron Dome abbatte i razzi sulle alture del Golan

l sistema di difesa israeliano Iron Dome abbatte i razzi sulle alture del Golan

Il mese scorso, la Germania ha annunciato ufficialmente che intendeva vietare alla Mahan Airlines di atterrare nel suo territorio, dopo aver ricevuto prove che gli aerei della compagnia, compresi i Boeing 747, avevano trasferito armi e agenti della Quds Force in Siria.

Inquadrato al meglio lo scenario è giusto presumere che l’azione attribuita a Israele fosse intesa ad impedire che l’aereo Mahan, decollato da Teheran atterrasse  a Damasco. Questa ipotesi può essere rafforzata dal fatto l’aereo stava per toccare terra quando è avvenuto il raid aereo ed è ragionevole credere che Israele abbia allertato i russi all’attacco e che i russi a loro volta abbiano diretto il Mahan a Teheran. Il sospetto che l’intera operazione dovesse fermare l’atterraggio è rafforzato dal fatto che le tradizionali fonti siriane, come l’Osservatorio siriano con sede a Londra per i diritti umani,   non hanno sottolineato l’attacco né distribuito fotografie di missili israeliani…

Non c’è modo di sapere chi o cosa fosse nel ventre dell’aereo, ma si può ragionevolmente presumere che chiunque l’avesse attaccato era interessato a rispedirlo da dove proveniva. E nello stesso tempo anche una forma palese di avvertimento  per il futuro.

Anche la risposta siriana è interessante. La reazione è stata un lancio di razzi da superficie a superficie, apparentemente sotto copertura di una raffica da una batteria missilistica antiaerea lanciata per ingannare Israele. Nel mezzo del fuoco antiaereo c’era un razzo superficie-terra diretto sul Monte Hermon. Il fuoco missilistico antiaereo è arrivato solo dopo che gli aerei attaccanti erano fuori portata, o anche quando erano già tornati alla loro base in Israele.

 

 

Condividi