Epsylon Mask, la mascherina del futuro

Più di 500 ragazzi da 30 paesi diversi si sono confrontati con l’obiettivo di trovare soluzioni innovative in sette aree considerate strategiche per il potenziale legato alla digitalizzazione e alla sostenibilità: Lavoro ed economia, Responsabilizzazione e istruzione, Finanza e moneta digitale, Ambiente e sostenibilità, Viaggi e mobilità, Solidarietà e anziani, Musica e intrattenimento, Salute e Fitness.

Tutto questo nell’ambito del World Hackathon Day, un evento internazionale che vede riuniti i migliori talenti della comunità tecnologica per sviluppare idee e proporre soluzioni, un evento che ha avuto come partners il Ministero degli Affari Esteri israeliano, l’Ambasciata d’Israele in Italia, la Roi Community – network internazionale composto da 1.300 fra imprenditori, innovatori e attivisti – e l‘Ambasciata olandese in Israele.

Naor Gilon

La giuria composta tra l’altro dall’ex Ambasciatore d’Israele in Italia, e ora Ambasciatore in Olanda, Naor Gilon, e dall’attuale ambasciatore Dror Eydar, hanno deciso chi ha vinto questa particolare giornata volta all’innovazione. Per l’occasione Microsoft ha messo in palio premi per un valore complessivo di 100mila dollari, affinché le idee migliori possano prendere forma e sostanza.

Dror Eydar

A vincere il World Hackathon Day è stata Epsylon Mask, un’innovativa maschera protettiva riutilizabile che protegge da oltre il 99% degli agenti infettivi.

Dotato di una maschera in silicone rimovibile e da PVC trasparente, con il quale è possibile leggere il labiale di chi la indossa, questo presidio sanitario è stato pensato soprattutto per chi si trova in prima linea nella lotta contro il COVID-19, che siano medici o infermieri, o qualunque altro personale a contatto con una grande quantità di persone.

L’alta percentuale di protezione da agenti infettivi è dovuta dalla presenza di luci al LED ultraviolette che disattivano i virus e i batteri che passano nei tubi di respirazione. Inoltre è presente una valvola e un filtro tessile, il quale riducono ancora di più la presenza di agenti patogeni.

Per non farsi mancare nulla, la maschera è inoltre collegata, attraverso la tecnologia NFC, con i propri dispositivi elettronici, nel quale vengono indicate: il ritmo cardiaco, la temperatura corporea e l’efficacia della propria maschera.

 

Condividi