Esplode l’aliyah
Gli ebrei lasciano l’Italia
e tornano a casa

cucina-ebraica

Non accadeva da oltre mezzo secolo. Le partenze di ebrei dall’Italia hanno raggiunto livelli senza precedenti: nel 2015 hanno superato quota cinquecento, un record nel secondo dopoguerra. Se la tendenza fosse confermata, tra il 2016 e il 2021, l’Italia perderebbe il 7 per cento della popolazione di origine ebraica.

IMG_92051

A conti fatti, si registra un più 30 per cento di ebrei italiani rispetto al pre-crisi In Italia sono in aumento gli ebrei che scelgono di fare l’aliyah – cioè trasferirsi in Israele e prendere la cittadinanza in base a quanto previsto dalla Legge del Ritorno – ed è la prima volta che la motivazione economica è così pressante.

Il motore dell’esodo, stavolta, non sono, come negli anni Trenta e Quaranta, le persecuzioni politiche, bensì la crisi economica. Lo studio, realizzato dall’Institute for Jewish policy research di Londra, è stato pubblicato a pochi giorni dalla “Giornata della memoria”.

(Avvenire)

 

 

 

Condividi