Fatah ai genitori palestinesi
“Insegnate ai vostri figli
ad ammirare e onorare gli stragisti”

img713340

La statua in ” onore” di Ahmad Jabarah Abu Sukkar

“Insegnate ai vostri figli ad ammirare gli stragisti. E’ questo il messaggio di Fatah ai genitori palestinesi. Fatah, il movimento che fa capo al presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen), incoraggia i genitori palestinesi ad esaltare agli occhi dei loro figli l’autore di un attentato terroristico che costò la vita a 15 israeliani.

Il post di Fatah che glorifica il terrorista del frigo-bomba

Il post di Fatah che glorifica il terrorista del frigo-bomba

Fatah glorifica l’attentatore Ahmad Abu Sukkar con un post pubblicato su Facebook ed esorta esplicitamente i palestinesi a condividerlo con i figli. L’attentato, architettato dal consigliere di Yasser Arafat e membro del Consiglio rivoluzionario di Fatah Ahmad Jabarah Abu Sukkar, venne realizzato con un frigorifero imbottito di esplosivo, portato con un camion in Piazza Sion, nel centro di Gerusalemme, il 4 luglio 1975: 15 persone furono uccise, altre 60 ferite o mutilate.

Arrestato, Abu Sukkar venne condannato all’ergastolo, ma è stato scarcerato dopo 28 anni, nel 2003, nel quadro di un gesto di buona volontà da parte di Israele verso l’Autorità Palestinese. E’ poi deceduto per un attacco cardiaco nel 2013 nell’Autorità Palestinese.

AbuMAzen-DalalM

Abu Mazen posa con un bambino con un poster dello stesso Abu Mazen con Dalal Mughrabi, la terrorista che uccise (37 israeliani, fra cui 12 bambin

Ecco il testo del post di Fatah su Facebook: «A 38 anni dall’operazione del frigorifero, che ha causato la morte di 13 (in realtà 15) israeliani nei mercati di Gerusalemme. Condividi, affinché i nostri figli possano conoscerlo. Per la memoria: l’operazione del frigorifero-bomba, Gerusalemme, 1975. Fatah – Movimento Di Liberazione Nazionale Palestinese. L’operazione venne eseguita da Ahmad Jabarah Abu Sukkar, nato nel luglio 1936. Catturato tempo dopo l’operazione, trascorse 27 anni nelle prigioni israeliane».

(Israele.net)

Condividi