Friedman, “Nascono a Gerusalemme
le basi spirituali dell’America…”

img132102

di Amanda Gross –

Rappresentanti di tutto il mondo si sono radunati appena fuori dalla Città Vecchia di Gerusalemme per l’inaugurazione di Pilgrim’s Road, un sito archeologico chiave nella capitale israeliana. Tra i presenti alla cerimonia l’ambasciatore statunitense David Friedman, l’inviato speciale della Casa Bianca Jason Greenblatt, il senatore della Carolina del Sud Lindsey Graham, i ministri israeliani Rafi Peretz e Uri Ariel, ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite Danny Danon, la moglie del primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu Sara Netanyahu, filantropi ebrei americani Sheldon e Miriam Adelson e gli ambasciatori statunitensi in Portogallo, Danimarca e Francia.

img132103

“The Pilgrimage Road e Pool of Silwan – ha detto Friedman – ci permettono di tornare indietro nel tempo, nella storia, portando in vita la Bibbia, possiamo percorrere quel sentiero e immaginare le grandi figure rabbiniche che percorrono quel sentiero. La scoperta   è tra le più grandi scoperte archeologiche nel secolo e ,soprattutto, sancisce la centralità di Gerusalemme per il popolo ebraico e per i due templi ebraici:  – lo sapevamo tutti, ma ora abbiamo le prove inconfutabili”

img132096

La cerimonia si è svolta con la contestazione di alcune organizzazioni di sinistra che non gradivano la presenza di alti funzionari statunitensi. E la risposta l’ha voluta dare lo stesso Friedman. “Perché un ambasciatore americano è venuto in questo evento per parlare qui? Semplice perché le basi spirituali della nostra società in cui onoriamo la dignità di ogni vita umana provengono da Gerusalemme. La nostra Dichiarazione di  Indipendenza ha ripensato il rapporto tra governo e cittadini … E come hanno fatto i padri fondatori a sapere quali diritti sancire? Facile li hanno presi dalla Bibbia”

 

 

 

Condividi