Frizioni Israele-Svezia
La Hotovely si rifiuta
di incontrare la Winberg

kristina winberg

Kristina Winberg

E’ saltato l’incontro fra una delegazione di politici americani, europei e indiani, (fra i quali Becky Norton Dunlop, ricercatrice presso l’Heritage Foundation di Washington e membro del team di transizione di Donald Trump) e la vice ministra degli esteri israeliana Tzipi Hotovely. L’incontro è saltato perché la Hotovely aveva posto la condizione che non partecipasse Kristina Winberg, parlamentare europea del partito Democratici Svedesi, una formazione di matrice neo-nazista, anti-omosessuali e anti-immigrati. Una condizione che non è stata accettata.

Israeli Knesset Member Ayelet Shaked of the far-right Jewish Home party is seen on May 6, 2015 during the negotiation with the Likud at the parliament in Jerusalem. Israel said May 11, it would assign a protection detail to Shaked who is slated to become justice minister after she received death threats. News of her expected appointment sparked a furious response with the Palestinians denouncing her as an extremist who "advocated genocide". AFP PHOTO/GALI TIBBON        (Photo credit should read GALI TIBBON/AFP/Getty Images)

  Ayelet Shaked  

“Quella di cancellare del tutto l’incontro è stata una decisione loro, non nostra”, ha specificato il portavoce del ministero degli esteri israeliano Emmanuel Nachshon. Anche l’incontro con la ministra della giustizia Ayelet Shaked è stato cancellato all’ultimo minuto. La scorsa settimana i politici israeliani avevano invece disertato gli incontri con la ministra degli esteri svedese Margot Wallstrom, del partito socialdemocratico, a causa delle sue posizioni pregiudizialmente anti-israeliane.

Condividi