Gaza, buio e licenziamenti
I primi effetti dei tagli Usa all’Onu

epa06447417 A Palestinian refugee man carry a sack of flour at the United Nation food distribution center in al Shateaa refugee camp in the northern Gaza city, 15 January 2018 (issued 17 January 2018). Media report that the US President Donald J. Trump had vowed to freeze about 125 million US dollar of aid for the United Nation Relief and Works Agency (UNRWA) for Palestinian Refugees. The US ambassador to the United Nation (UN) Nikki Haley was quoted as saying that Trump did not want to add or stop funding until the Palestinians agree to return to the negotiation table. Following the 1948 Arab-Israel conflict, UNRWA was established by the United Nation General Assembly Resoluation 302 (IV) in 1949 to carry out direct relief and works programs for Palestinian refugees from May 1950 on. until today, some five million Palestinian refugees are eligible for their services, UNRWA says on their website. EPA/MOHAMMED SABER

Giornata di tensione oggi a Gaza, in seguito al licenziamento da parte dell’Unrwa – l’agenzia dell’Onu per i profughi palestinesi – di mille dipendenti temporanei. Con la distribuzione stamane delle lettere di licenziamento, riferiscono fonti locali, una manifestazione di protesta ha subito avuto luogo di fronte all’Ufficio centrale dell’Unrwa a Gaza City.

Due giorni fa il direttore dell’Unrwa era stato costretto a barricarsi nell’ufficio per 14 ore, mentre in strada la polizia tratteneva a stento i dimostranti. La decisione dei licenziamenti è una conseguenza diretta del taglio da parte degli Usa di aiuti finanziari e anche dal mancato arrivo di altri aiuti promessi da Paesi terzi.

buona-1-ombre-gaza-la-buioIn breve tempo un migliaio di dimostranti si sono raccolti di fronte agli uffici dell’Unrwa a Gaza City ed hanno fatto appello ai dipendenti fissi affinché scioperino e si uniscano alla loro lotta, nella convinzione che presto o tardi saranno anch’essi sottoposti a licenziamenti.
Ad accrescere la esasperazione della popolazione di Gaza sono giunti ieri nuovi tagli alla erogazione della corrente elettrica, con la sospensione delle attività della centrale della Striscia. In giornate di grande afa gli abitanti ricevono adesso corrente solo per 4-6 ore al giorno.

(Ansamed)

Condividi