Gli “amici” di Corbyn
con le mani sporche di sangue