Gli “amici” di Corbyn
con le mani sporche di sangue

81895031_10220254522983099_3053693

di Giulio Meotti –

Come l’abbiamo scampata bella con Corbyn… Non ce la fa proprio a chiamare Soleimani “terrorista”.

23

Boris Johnson

D’altronde parliamo di uno che ha deposto corone di fiori sulla tomba dei terroristi di Monaco ‘72 e che Hamas e Hezbollah, armate fino ai denti da Soleimani prima di raggiungere al Baghdadi nel settimo cerchio dantesco, li chiama “amici”.

Come ci è andata bene con Boris Johnson, che ieri ha detto che “le mani di Soleimani erano macchiate del sangue inglese”. Come ci è andata bene.

Condividi