Golan, la spina nel fianco di Israele

golan

di Fiamma Nirenstein –

Il Golan è una terrazza sul Medioriente, una montagna di basalto alta mille metri da cui puoi minacciare tutta Israele in un colpo solo, è uno stato d’animo di continua avventura e insicurezza oggi trasformato in una zona di coltivazioni e natura per circa 25mila fra isrealiani e drusi in una quarantina di comunità. La capitale, Katzrin, è nei testi che parlano del Secondo Tempio. Ma per i siriani odierni, la memoria storica è quella del Villayet nell’impero Ottomano, e poi del protettorato francese degli anni ’20 e ’30.

Fiamma Nirenstein 3

Fiamma Nirenstein

Solito Medioriente. Un passato conteso, un presente di scontro. Da tempo il Golan israeliano è pastorale: è un terrapieno di pascoli, antiche rovine, nuove cittadine, vigne in cui Israele produce fra i vini migliori del mondo. Ma, se in mano nemiche, sarebbe in gioco tutto il Medioriente nel rischio di un’invasione iraniana e di hezbollah sostenuta da Assad, contemplata da lontano da Putin. Probabilmente è questa la considerazione strategica che ha spinto Donald Trump a dichiarare che deve appartenere a Israele. Perché sulla parte siriana del Golan, Iran e Hezbollah stanno stabilendo le roccaforti di un attacco strategico al nemico più odiato.

Israeli Sherman M4 tanks are seen moving towards the Sinai during Israel's invasion of the Sinai in the six day war of Israel, June 6, 1967. (AP Photo)

La guerra dei sei giorni

Questo, visto dagli Usa, distrugge anche ogni eventualità che la conclusione del conflitto siriano si trasformi in una situazione di equilibrio.

Dalla parte israeliana, quella che Israele occupò durante la Guerra dei 6 Giorni nel 1967 difendendosi dall’attacco siriano concertato con Nasser, il confine contiene l’ammassarsi del più pericoloso fra tutti i rischi conosciuti insieme all’Isis ormai sconfitto: l’imperialismo sciita condito dalla dittatura siriana.

Avigdor Kahalani,

Avigdor Kahalani

Dunque il presidente americano nel suo stile bizzarro e controverso (si dice che Mike Pompeo, in visita in Israele, sia stato preso di sorpresa) ha twittato la sua intenzione di riconoscere il Golan come parte d’Israele. Una decisione presa alla vigilia del viaggio di Netanyahu, in piena campagna elettorale, che domenica vola negli Stati Uniti per un discorso all’Aipac, la maggiore organizzazione della massa potente e divisa degli ebrei americani.

golanheights2

Ricorda il generale Avigdor Kahalani, un eroe della guerra del Kippur del 1973 in cui Israele fu presa di sorpresa, come il Golan fu la piattaforma critica su cui all’improvviso si avventarono 470 tank siriani, che vennero respinti con la forza della disperazione dai 150 carrarmati israeliani, a prezzo però della strage di centinaia di soldati.

Nel ’67, quando la zona fu conquistata, Kahalani era già di stanza sul Golan, e ricorda come anche allora l’attacco fu siriano. Chi scrive, ragazzina volontaria al IGbbutz Neot Mordechai in alta Galilea, ricorda come i Mig spuntavano per bombardare da dietro le alture.

Federica Mogherini

Federica Mogherini

I residenti della zona oggi sono rassicurati da una legge dell’81 per annettere il Golan e impedisce di abbandonarlo se non con un referendum. Adesso le reazioni sono svariate e tutte molto prevedibili: i siriani respingono con sdegno, i russi sperano che la cosa resti a livello di un tweet, Erdogan, al solito promette fuoco e fiamme, le altre capitali mediorientali reagiscono molto debolmente ormai abituate alla rassicurante presenza israeliana, e la Mogherini con l’Unione europea non perde un’occasione per schierarsi contro Israele.

Le violazioni di Assad o dell’Iran di stanza in Siria non sembrano importare molto all’Ue. Eppure lo sa anche lei che sotto le alture del Golan si accalcano i feriti, gli esuli, le famiglie cacciate da Assad sperando che una delle pattuglie di Israele, come fa, li raccolga nottetempo e li porti per curarli e assisterli, dalla sua parte.

(Giornale)

Condividi
Fiamma Nirenstein

Fiamma Nirenstein

Giornalista