Se la gonna
è bandiera
della libertà

Najla Akdeir

Najla Akdeir

di Pierluigi Battista –

Dicono che sia un gran talento dell’atletica leggera, ma se si parla di lei, di Najla Akdeir la cui storia è stata raccontata sulle pagine del Corriere della Sera, è perché questa ragazza libica innamorata dello sport e della libertà è stata malmenata e perseguitata dai suoi genitori e dal suo clan solo perché si era permessa di indossare dei normali pantaloncini durante una gara.

Pierluigi Battista

Pierluigi Battista

Ora lei insiste: con l’atletica e con i pantaloncini. Resiste, sfida le botte e i fanatici, una famiglia di energumeni che sfoga attraverso i precetti religiosi i propri istinti violenti e di sopraffazione.

13422872_264737460561817_871681518_n

Najla Akdeir

Bisognerebbe segnarsi il nome di questa donna coraggiosa e fiera: Najla Akdeir, una bandiera di tutte le donne che vivono nell’oppressione e sono dimenticate da tutti noi, ipersensibili sui diritti umani da salvaguardare qui, ipersilenziosi sui diritti delle donne e degli uomini colpevoli solo di essere nati nel posto sbagliato, dove regna la sopraffazione nel silenzio complice del mondo.

30790dc52a2ddc811f667a46e2f671a2-17439-kaND-U1100368807511410C-1024x864@LaStampa.it

Khulood

E cerchiamo di ricordare non il nome, che è troppo pericoloso, ma una donna che si fa chiamare Khulood e che ha sfidato la misoginia fondamentalista di Stato dell’Arabia Saudita semplicemente diffondendo un video in cui ha l’ardire di indossare una minigonna, simbolo di ogni perversione tra gli islamisti che usano i testi religiosi come un bastone da dare in testa alle donne che aspirano alla libertà.

Malala Yousafza

Malala Yousafza

Cerchiamo di ricordarle, facciamo un piccolo sforzo. Piccolo, come quello fatto a suo tempo per Malala Yousafzai, la ragazza pachistana perseguitata solo perché voleva continuare a studiare. Sapendo che l’illibertà delle donne, la soggezione di bambine vendute come spose dalla tribù di famiglia, di donne costrette alla prigionia di un velo che le annienta come persone, di ragazze che vogliono ma non possono vestire liberamente, praticare sport liberamente, muoversi liberamente, studiare liberamente, sposarsi liberamente, fare l’amore liberamente, viaggiare liberamente è la condizione raccapricciante di milioni e milioni di esseri umani che non ricevono solidarietà malgrado la retorica sui diritti universali. Najla Akdeir, una persona, una donna, una bandiera. Non dimentichiamola. Come al solito.

(Corriere della Sera)

 

Condividi