Guai per Bar Refaeli  
Condannata per evasione fiscale

di Davide Frattini –

In sua difesa ha presentato anche Leonardo DiCaprio. O almeno la relazione con l’attore hollywoodiano: gli avvocati hanno tentato di sostenere che il rapporto durato sei anni «è stato importante, durevole e non casuale» e che le due celebrità hanno vissuto insieme a Los Angeles «come una famiglia». Rievocare un amore ormai finito non è bastato, neppure ricordare che in quel periodo Bar Refaeli passava più tempo in giro per il mondo che a casa.

Davide Frattini

I giudici hanno decretato che tra il 2009 e il 2012 la modella era da considerare residente in Israele e qui avrebbe dovuto pagare le tasse. Soprattutto avrebbe dovuto evitare di sviare le tracce con bollette e appartamenti intestati ai parenti. Così il tribunale l’ha condannata  a nove mesi di servizi sociali, mentre la madre Zipi — che è la sua agente e si è addossata tutte le colpe del piano di evasione fiscale — dovrà passare 16 mesi in carcere.

Tutte e due pagheranno una multa di un milione e 3 mila euro oltre alle tasse dovute. Il caso è andato avanti due anni e alla fine i legali della top model israeliana più conosciuta all’estero hanno preferito arrivare al patteggiamento, che i giudici devono ancora ratificare l’8 settembre. Adesso spiegano:

Zipi Rafaeli

«Aver cercato un’intesa dimostra che la famiglia Refaeli non sapeva di infrangere la legge, non c’è stata alcuna macchinazione». I guadagni non dichiarati sono vicini agli 8 milioni di euro, per la maggior parte accumulati fuori dal Paese: nella cifra gli agenti del fisco hanno però calcolato anche un’auto, un appartamento e i servizi di un designer di interni ricevuti in Israele come compenso in cambio di pubblicità. Sposata da cinque anni con Il milionario Adi Ezra, insieme hanno tre figli, durante la disputa Bar Refaeli ha continuato a lavorare e l’anno scorso ha condotto l’edizione dell’«Eurovision» a Tel Aviv.

Si è presentata in tribunale con una mascherina bianca (obbligatoria in Israele dove i nuovi casi di Covid-19 hanno raggiunto i 2 mila al giorno) e ha detto alle decine di fotografi che la stavano aspettando: «Mi sento del tutto fuori posto, allora ero molto giovane, adesso ho imparato a comportarmi diversamente con chi mi offre un lavoro». Il periodo che le viene contestato è proprio quello in cui ha raggiunto la fama internazionale con la prima copertina di Sports Illustrated.

 (Corriere della Sera)

 

 

Condividi