“Halal” Toblerone
Il cioccolato amaro dell’Occidente

media.media.3832b9f9-f6e8-45db-84db-bdeab5e7e7b0.original1024

di Franco Grilli –

Il Toblerone sarà islam friendly. Cioè vicino alle istanze musulmane. Lo ha fatto sapere la stessa azienda, la multinazionale americana a Mondelez International Inc che ha confermato la decisione di rendere “halal” lo storico dolciume. La notizia è stata riportata per prima dal quotidiano svizzero Blick (il Toblerone è originario di Berna). Il motivo dietro tale scelta sarebbe banalmente economica.

“Il 97% del nostro fatturato – dice la multinazionele – è prodotto dalle vendite all’estero”. E si può anche capire. Il business del cibo e delle bevande “pure” per i musulmani producono – scrive Libero – un fatturato globale di 2 miliardi di dollari. Cui vanno aggiunti i cosmetici che solo negli Usa valgono altri 400 milioni di dollari. Chiaro, dunque, che un’azienda decida di occupare questo mercato.

methode_times_prod_web_bin_70c88ada-02dd-11e9-9685-be54be25c61a

Ed ecco che Mondelez ha “adeguato” la produzione e gli ingredienti del Toblerone alle necessità islamiche. “La ricetta originale del Toblerone è rimasta invariata”, assicurano però. “Il lavoro e tutti i prodotti realizzati sono stati sottoposti ad una certificazione che verifica che gli ingredienti ei processi di produzione conformi agli standard halal.

Per la certificazione, non è stato necessario nel processo di produzione per passare qualcosa la ricetta originale del Toblerone è rimasto invariato”, ha spiegato un portavoce all’Hannoversche Allgemeine Zeitung.

(Giornale)

Condividi