Halle, un attentato al futuro

reuters_xix_20191010_072916_001908.JPG f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d2dfbb7

I due morti di Halle, l’attacco alla sinagoga

di Bruno Forte*

L’attentato antisemita ad Halle mostra ancora una volta come sia sempre necessario richiamare le ragioni per cui ogni forma di antisemitismo sia intollerabile e ferisca al cuore tutti noi, debitori come siamo verso l’ebraismo di valori irrinunciabili.

Bruno Forte

Bruno Forte

Ne ricordo tre: il primo è il valore della persona umana come immagine e somiglianza di Dio. Nella concezione biblica, l’uomo è creato come la più alta fra le creature, perché porta in sé l’impronta della bellezza divina. Ecco perché l’anima ebraica trasmette alla civiltà europea il principio del rispetto dovuto a ogni essere umano: «Andare incontro ad altri — afferma il filosofo ebreo Emmanuel Lévinas — significa mettere in questione la mia libertà il mio potere sulle cose, questa libertà della ‘forza che può’, questa impetuosità sfrenata alla quale tutto è permesso, perfino l’omicidio. Il ‘non uccidere’ che delinea il volto in cui Altri si produce sottomette la mia libertà al giudizio» (Totalità e infinito, Milano 1980, 312s).

Emmanuel Lévinas

Emmanuel Lévinas

A questo valore consegue quello della solidarietà, fondato sulla coscienza di dover agire in maniera responsabile verso tutti, vedendo nel bene comune uno scopo indispensabile anche alla realizzazione del bene individuale. È ancora Lévinas ad affermare: «La responsabilità per altri viene dall’al di qua della mia libertà, da un ‘prima-di-ogni-ricordo’, da un ‘oltre-ogni-compimento’» (14s).

Prendersi cura dell’altro è il fondamento etico di ogni convivenza che sia autenticamente civile. Non si sbaglierebbe nel riconoscere in quest’attitudine l’ispirazione più pro-fonda della stessa idea di unione euro-pea: «Tutta la nostra costruzione politico-sociale — affermava il 21 aprile 1954 Alcide De Gasperi alla Conferenza Parlamentare Europea di Parigi — presuppone un regime di moralità internazionale. I popoli che si uniscono, spogliandosi delle scorie egoistiche della loro crescita, debbono elevarsi anche a un più fecondo senso di giustizia verso i deboli e i perseguitati».

Alcide De Gasperi

Alcide De Gasperi

Infine, è l’idea della storia come processo orientato a un fine il terzo grande apporto del pensiero ebraico alla nostra civiltà: rispetto alla concezione arcaica, propria anche del mondo classico, del mito dell’eterno ritorno, dove il valore etico delle azioni è svalutato perché tutto torna nell’eterna ripetizione del ciclo, la visione biblica di un cammino, rivolto a un futuro di pace universale e guidato da un superiore disegno divino, è in grado di motivare l’impegno e sostenere le ore di prova più difficili.

Sono stati i profeti ebrei a valorizzare la storia, concependo un tempo lineare, procedente a senso unico verso il futuro: lo sguardo del profeta è rivolto non all’eterno passato dell’inizio, ma in avanti, verso il futuro della promessa di Dio. La speranza prende il posto della nostalgia; la dignità della decisione attiva e responsabile cancella il primato della ripetizione. È offerta all’uomo la prospettiva di un orizzonte ultimo, che dà alle realtà presenti il carattere ineludibile e carico di potenzia-lità e di attese di ciò che è penultimo di fronte all’ultimo.

L'attentatore di Halle ammette il movente antisemita

Antisemitismo è negare tutto questo, e proprio così è ferire al cuore quell’identità della coscienza europea che nel mondo globalizzato risulta così importante custodire. Ecco perché l’attentatore di Halle non è solo un volgare assassino, ma anche un pericolo e una minaccia per il futuro di tutti.

Condannare il suo gesto è ribadire i valori che ci uniscono, ma è anche un volerci impegnare per essi in maniera rinnovata, nello spirito dell’eredità ebraico-cristiana che ha segnato il pensiero alla base del processo dell’unione europea, nel rispetto della dignità di ogni persona umana e nella consapevolezza della responsabilità che ne consegue per tutti.

*Arcivescovo Chieti-Vasto

(Corriere della Sera)

Condividi