Hama, esplode deposito di missili
Muoiono undici soldati siriani
Incidente tecnico o raid aereo?

33032558_218779162060024_9023546969716424704_n

Hama

di Daniel Harkov –

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (un gruppo di esperti con sede in Gran Bretagna) undici soldati dell’esercito di Bashar Assad sono stati uccisi e decine di altri sono rimasti feriti in misteriose esplosioni presso la base aerea di Hama. L’Osservatorio ha precisato che le vittime includevano sia siriani che cittadini stranieri.

426189

DdegpZeVAAEZ2Qc

Il notiziario di Sky News Arabia ha riferito che le esplosioni sono state causate da un attacco a un avanzato sistema di difesa aerea iraniano. Ha detto che l’attacco ha preso di mira un sistema di difesa missilistica a lungo raggio della Bavar 373 iraniano, un modello all’avanguardia che è stato presentato nel 2016 e che gli iraniani hanno paragonato al sistema russo S-300.

La stazione televisiva libanese El-Nashra, però,  ha citato fonti militari siriane dicendo che le esplosioni sono state causate da un “malfunzionamento tecnico” in un deposito di armi.

Il 29 aprile, gli aerei del F-15 dell’aeronautica israeliana hanno lanciato attacchi missilistici sulle basi del regime siriano nelle campagne di Hama e Aleppo. Vennero uccise 25, la maggior parte iraniani e altre 35 rimasero ferite. Circa 200 missili vennero distrutti dal raid.

 

 

 

Condividi