Hitler e Stalin, l’abbraccio fatale
Anticapitalismo & antisemitismo

hitler-stalin1-620x350

di Marcello Veneziani –

Il 23 agosto di ottant’anni fa il mondo stava prendendo un’altra piega che avrebbe cambiato i destini dell’umanità. Stalin e Hitler strinsero un patto che sarebbe diventato un abbraccio fatale per il comunismo, per il nazismo ma anche per il resto del mondo. Era un patto di non-aggressione, firmato al Cremlino dai due ministri degli esteri, Molotov e Ribbentrop, ma era in realtà un patto di aggressione al resto del mondo. Un reciproco via libera all’insegna dell’anticapitalismo, dell’antisemitismo e dell’antioccidentalismo. Stalin brindò col ministro tedesco alla salute del Fuhrer e all’amicizia tra i due regimi.

index

Marcello Veneziani

Un mese dopo seguì un ulteriore patto di amicizia. Rimase in piedi per un paio d’anni, quel patto, permise di spartirsi la Polonia, consentì alla Germania di invadere i paesi vicini e dichiarare guerra alle plutocrazie occidentali, ricevendo dall’Urss scorte di petrolio, informazioni segrete e materiali necessari al conflitto. Se il carattere sospettoso e maniacale dei due dittatori non avesse prevalso, oltre le ragioni strategiche, oggi vivremmo in un altro pianeta.

Magari a guerra finita ci sarebbe stata una finale resa dei conti tra la Germania indoeuropea e la Russia asiatica; però intanto avrebbero liquidato insieme capitalismo, democrazie liberali, ebrei ed egemonie atlantiche. Fu l’Operazione Barbarossa, due estati dopo, a spezzare l’incantesimo e l’idillio, con l’attacco tedesco all’Urss.

22222222222

F.Gaus, Joachim Ribbentrop, ministro degli Esteri tedesco, Joseph Stalin e il suo ministro degli Esteri Vyacheslav Molotov. Cremlino, Mosca 23 agosto: firma del patto di non-aggressione

Di quel patto, la stampa e la cultura occidentale, egemonizzate da una cultura di provenienza marxista e comunista, ha sempre finto di non ricordarsi e continua a dimenticare. Ma quel patto non riguardò solo i due dittatori. Fu un patto che coinvolse i regimi, i partiti, gli apparati, la propaganda. E si estese ben al di là dell’Unione Sovietica a tutta l’Internazionale comunista.

Fu imbarazzante, e a tratti ripugnante, la giravolta che i comunisti francesi e italiani, Togliatti incluso, fecero dall’antifascismo militante fino alla guerra di Spagna alle epurazioni dei dissidenti antinazisti, alle circolari che esortavano a chiudere ogni ostilità tra rossi e neri e a guardare con simpatia alla Germania nazista che si apprestava ad aggredire le nazioni capitaliste.

Angelo Tasca

Angelo Tasca

Qualcuno, come Angelo Tasca, tra i fondatori del partito comunista d’Italia, prese quel patto assai sul serio, e in Francia dove era esule da comunista dissidente, fu col regime filo-nazista di Vichy, diresse una rivista collaborazionista con la Francia occupata dai nazisti, l’Effort, e fu dipendente del governo di Petain. Altri compagni da noi si barcamenarono, elogiarono il Patto, misero la sordina all’antinazismo. Camilla Ravera e Umberto Terracini osarono criticare il patto con Hitler: furono espulsi dal Pc. Rischiò grosso anche Peppino Di Vittorio; gli altri si allinearono.

olycom - weil - NELLA FOTO RETRO DEL 1936 SIMONE WEIL

Simone Weil

Al di là dei fatti storici, le giravolte e i retroscena, come giudicare quel patto sul piano delle idee? Ci affidiamo al giudizio di due acute pensatrici ebree, una rivoluzionaria-socialista e l’altra liberal-democratica. Scrivendo Sulla Germania totalitaria, Simone Weil osservava che le parole d’ordine dei nazisti e dei comunisti sono state quasi identiche e notava già prima del patto: “non si può negare l’esistenza tra i comunisti di una certa corrente di simpatia verso gli hitleriani… Si ha spesso l’impressione che operai comunisti e operai nazisti nelle loro discussioni cerchino invano di trovare un punto di disaccordo…

5 Hannah Arendt

Hannah Arendt

In pieno terrore hitleriano si potevano sentire hitleriani e comunisti rimpiangere insieme i momenti in cui lottavano, come dicevano, fianco a fianco, vale a dire il tempo del plebiscito rosso; si poteva sentire un comunista gridare: ‘Meglio nazista che socialdemocratico’”.

s-l300

Ne Le origini del totalitarismo Hannah Arendt sottolineò le convergenze tra nazismo e comunismo, l’ammirazione di Hitler per “il geniale Stalin” e ricordò che Krusciov aveva rivelato: “Stalin si fidava solo di un uomo, e questo era Hitler”.

Nazismo e comunismo, notava Pierre Chaunu, sono “gemelli eterozigoti” e Francois Furet sottolineava “la parentela inconfessata” tra i due e la complicità ideologica. Nel Novecento, il Secolo del male, Alain Besancon, nota che Russia comunista e Germania nazista ebbero in comune la parola lager. Quell’uso, come è noto, non fu solo verbale. Comunismo e nazismo condivisero la promessa del bene assoluto in terra.

6 Pierre Chaunu

Pierre Chaunu

Il nazismo ebbe una passione estetica, magica e naturalistica mentre il comunismo ha una passione etica, storica e materialistica. I nazisti promisero di ridare bellezza al mondo, i comunisti promisero di dare bontà al mondo.

Il comunismo uccide a fin di bene, è pedagogico e obbliga le sue vittime a interiorizzare le sue nuove regole morali; per questo, aggiunge Besancon, è più perverso del nazismo. Perverte a tal punto “il principio di realtà e il principio morale da poter sopravvivere a 85 milioni di cadaveri”, mentre l’idea nazista soccombe con le sue vittime.

7 Alain Besancon

Alain Besancon

Il nazismo, in linea col suo particolarismo, è ferocia circoscritta a un preciso nemico (gli ebrei e altre minoranze mirate); il comunismo, coerente col suo universalismo, è visione punitiva estesa all’umanità. Tutti possono diventare vittime del comunismo, chi difende la famiglia, la patria, la religione o la proprietà o gli stessi comunisti “deviati”, anarchici e “socialtraditori”.

maxresdefault

Il nemico del comunismo è generico e indefinito, il nemico del nazismo è specifico e definito. La paura nei regimi comunisti è universale, tutti denunciano tutti. Perciò, nota Besancon, i comunisti “hanno bisogno della chiusura assoluta delle frontiere, per proteggere il segreto delle loro fosse, del loro fallimento”. Infatti il comunismo crolla con la globalizzazione. I comunisti controllano l’informazione in modo capillare, fino a “sostituire la realtà con una pseudorealtà”. Vi ricorda qualcosa? Viviamo di continui paragoni tra l’oggi e l’avvento del nazismo. Quanti paragoni potremmo fare tra la sinistra d’oggi e la sua matrice comunista?

  (La Verità)

66455177_357391198305855_5346773549493256192_n

 

Condividi