I dogmi palestinesi contro la pace

C_2_articolo_3110893_upiImagepp

di Reuven Berko  –

Sin dai tempi del capo dell’Olp Yasser Arafat, i tre dogmi impiantati nella testa dei palestinesi – Gerusalemme “palestinese”, “il diritto al ritorno”, il rifiuto di riconoscere Israele come stato nazionale del popolo ebraico – sono serviti per impedire qualunque accordo di pace definitivo con Israele.

Reuven Berko

Reuven Berko

Parlando con personalità palestinesi come il fondatore di Hamas, Ahmed Yassin, e il mufti e politico Faisal Husseini, ho sempre sottolineato il fatto che, sul piano storico, Gerusalemme non è mai stata la capitale di uno stato arabo-palestinese (che non è mai esistito) e lo stesso Corano indica gli ebrei come eredi di questa terra.

Faisal Hussein e Yasser Arafat

Faisal Hussein e Yasser Arafat

E ho sempre aggiunto che la moschea di Al-Aqsa non è un luogo sacro “per i palestinesi” ma per i musulmani in generale, e ho ricordato il fatto che nel mondo arabo-musulmano nessun altro luogo sacro islamico è mai stato scelto come capitale, tanto è vero che non sono capitali né la Mecca né Medina e che la stessa Giordania non si sognò di fare Gerusalemme capitale quando governò la città dal 1948 al 1967. Ebbene, devo ancora trovare un palestinese che sia in grado di controbattere queste argomentazioni.

(Israel HaYom)

Condividi