I figli illegittimi di ebrei
   ora sono  cittadini tedeschi
Sentenza epocale in Germania   

di Carlo Breme –

L’articolo 116, paragrafo 2, della costituzione tedesca stabilisce che i tedeschi che tra il 1933 e il 1945 furono privati ​​della cittadinanza per motivi politici, razziali o religiosi e che i loro discendenti potessero riavere la cittadinanza. Ora una sentenza del tribunale ha dichiarato che i bambini nati fuori dal matrimonio con ex cittadini tedeschi hanno ugualmente diritto alla cittadinanza.La decisione apre le porte ai discendenti di ebrei tedeschi nati fuori dai matrimoni per diventare cittadini tedeschi.

“Se una legge impone allo stato di concedere la cittadinanza, questo diritto deve essere rispettato senza discriminazioni contro i bambini illegittimi”, ha affermato la corte. Gli attivisti ebrei hanno affermato che si trattava di un “giudizio epocale”. Nicholas Courtman del gruppo di esclusioni dell’articolo 116 ha affermato che è una sentenza che “crea conseguenze di ampia portata per i diritti di naturalizzazione dei discendenti dei cittadini tedeschi perseguitati sotto il nazionalsocialismo”.

La Germania l’anno scorso ha imposto due decreti per rendere più facile per le persone, principalmente ebrei, che sono fuggiti dal regime nazista di Hitler a causa della persecuzione e dei loro discendenti per ripristinare la cittadinanza.

 

 

Condividi