I musulmani strigliano Di Maio

Davide Piccardo-1

Davide Piccardo

di Alberto Giannoni  –    

 «Caro Di Maio svegliati. Cambiate quel decreto e se Salvini non vuole torniamo a votare». Questo il messaggio che uno dei musulmani italiani più influenti e rappresentativi, Davide Piccardo, fa recapitare al «capo politico» dei grillini. Il Movimento 5 Stelle ha riscosso a lungo la simpatia di molti esponenti dell’islam italiano, per vari motivi, come la ostentata linea «anti-sionista» di dirigenti come il sottosegretario Manlio Di Stefano.

Alberto Giannoni 2

Alberto Giannoni

Questa simpatia si è andata affievolendo dopo l’accordo con la Lega, che ha posizioni diametralmente opposte, non solo sul Medio-Oriente, ma anche sulle moschee e i centri islamici. Il contratto di governo è stato – per molti musulmani interessati alla politica – un boccone amaro da digerire, tanto che molti hanno dato segni di insofferenza o di delusione. E ancor più indigesto, a quanto pare, è il decreto sicurezza del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Davide Piccardo

Davide Piccardo

Almeno lo è per Davide Piccardo, a lungo responsabile del Caim, il coordinamento dei centri islamici milanesi, e figlio di uno dei leader dell’islam politico italiano Hamza. Piccardo junior considera il decreto addirittura «una chiavica». Al Pd rimprovera di non aver disobbedito anche alla legge anti-moschee.

Il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, del Movimento 5 Stelle, a Napoli per incontrare i procuratori aggiunti Alfonso D'Avino e Luigi Frunzio, 2 aprile 2015. ANSA/ CESARE ABBATE

Luigi Di Maio

Ma sui rapporti con la Lega incalza il vice premier dei 5 Stelle: «Di Maio svegliati – scrive – che pure i sindaci M5S sono molto critici, il decreto va rivisto e se Salvini minaccia la tenuta del governo bisogna essere sempre pronti a nuove elezioni perché chi in politica vive sotto ricatto ha già perso». E a un grillino che rivendica la necessità del compromesso con la Lega, fa presente: «Non ho votato movimento 5 stelle per vedere approvare misure punitive e dannose contro i più deboli»

 ( Giornale )

 

Condividi