Ida, la Giusta numero 682

image

Giusta fra le nazioni per aver salvato due ebrei. L’onorificenza, postuma, è andata a Ida Granzotto, vedova Battistella. A consegnarla alla figlia Maria Teresa, nella cerimonia che si è tenuta a Venaria Reale (in provincia di Torino, dove la famiglia Granzotto si era trasferita nel 1953), è stata Sara Ghilad, Prima Assistente Ufficio Affari Pubblici e Politici dell’Ambasciata d’Israele in Italia. Presente anche Estella Levi, nipote della coppia di ebrei salvati da Ida Granzotto durante la Shoah.

image

Ida Granzotto

Nata nel 1905, Ida viveva in via Quartarezza a Lorenzaga, a poche centinaia di metri da Villa Wiel. Fra il 1943 ed il 1945 ospitò una coppia di ebrei, Edgardo e Gemma Levi, che le chiesero aiuto per sfuggire ai rastrellamenti nazifascisti.

“Ricordo che una coppia di coniugi, Edgardo e Gemma Levi, si presentarono a casa nostra chiedendo ospitalità”, ha detto una commossa Maria Teresa: “Posto ne avevamo e mia madre, allora già vedova con 5 figli, accettò immediatamente. Non sapevamo neppure che fossero ebrei. Una mattina la signora Gemma scese le scale in lacrime: c’erano i nazisti in paese. Quel giorno se ne andarono per non mettere in pericolo mia madre e noi bambini”.

Sara Ghilad

Sara Ghilad

Nel 1958 Ida ricevette la medaglia d’oro dalla Comunità israelitica di Milano. Successivamente furono i Levi a chiedere allo Yad Vashem di attivarsi per riconoscerle il suo grande merito. Ida Granzotto è venuta a mancare nel 1987, ma il riconoscimento ha fatto estremamente piacere alla famiglia e nello specifico alla figlia Maria Teresa.

Con Ida Granzotto salgano a 682 i Giusti italiani ricordati nel Giardino.

(Progetto Dreyfus)

 

 

 

Condividi