Il buonsenso di Donald

C_2_fotogallery_3008615_0_image

di Fiamma Nirenstein

Un po’ di buon senso prego. Trump ha dato le sue risposte a un problema cui tutto il mondo si sta applicando, e cui si riconosce che non c’è stata per ora, una risposta efficace o solo sensata. Può darsi che anche questa sia sbagliata. Ma non lo sarà più dei silenzi e delle omissioni che hanno lasciato uccidere migliaia di persone dal terrorismo islamico e hanno creato situazioni di vita molto difficili nelle città del mondo occidentale. È un tema roccioso, ogni volta che o si affronta vorremmo nasconderci piuttosto che vedere la sofferenza altrui ma, insieme, anche il nostro pericolo.

Ci sono e c’erano delle buone ragioni in alcune delle critiche all’executive order di Donald Trump del 27 gennaio che sospende l’illimitata ammissione di rifugiati siriani e mette un freno all’immigrazione di altri sei Paesi islamici per 90 giorni: infatti già domenica Trump ha dovuto ripristinare il diritto di servirsi della green card. E dovrà tornare sulla questione delle minoranze religiose, perché anche se preferisce l’immigrazione delle minoranze cristiane, ce ne sono di sunnite e di sciite che a seconda dei Paesi, sono state e sono implicate in lotte e persino guerre a fianco degli americani. Il tono, però, l’enfasi da salotto bene che si usa nell’immaginare che Trump seppellisca l’America che amiamo per disseppellire quella con la k (molti non sanno quanto quella k ferisca li americani) porta a dire un sacco di sciocchezze: per esempio, a paragonare l’immigrazione attuale con quella degli ebrei dall’Europa.

5455muslim_stop_usa

A parte che anche quella fu verificata a fondo persino dopo la Shoah (c’erano comitati in Europa che vagliavano ogni caso) non c’è mai stato un pericolo ebraico di attacchi terroristi. E invece il pericolo di cui Trump parla, c’è, anche a volerlo affrontare diversamente: ma negarlo non si può. Invece c’è chi ha scritto che gli attacchi dal 9 di settembre non sono musulmani e hanno edotto che quindi Trump agisce per razzismo… insomma un sacco di cretinate a partire dal fatto storico che gli ingressi negli Usa sono sempre stati controllati, l’incubo del blocco e del respingimento di Ellis Island appare in mille film di Hollywood, i blocchi operati dalle varie amministrazioni sono costanti e di fatto negli ultimi anni sono caduti su popolazioni musulmane, salvo quando invece Obama ne ha incrementato l’ingresso, mentre gli ingressi cristiani paradossalmente sono pochissimi: nel 2016 il 99,1 per cento degli ingressi sono islamici, e solo lo 0,5 sono cristiani, mentre lo 0,8 sono Yazidi, un po’ poco rispetto alle stragi in corso. Comunque, dal luglio 2011 Obama ha bloccato le entrate di questo o quel gruppo politico per sei volte.

Carter, Clinton, Obama e Bush all'ultimo President's day

Carter, Clinton, Obama e Bush 

Jimmy Carter cancellò i visti iraniani; le leggi che permettono ai presidenti di controllare l’immigrazione citano specificamente la preoccupazione delle persecuzioni religiose, e sinceramente è stupefacente che Obama abbia lasciato cristiani e yazidi da parte.

Ma dov’era la stampa liberal? ll tetto messo da Trump di 50mila rifugiati dopo che saranno trascorsi i 90 giorni, non sono così distanti dalle medie nazionali regolari: scrive David French sulla National Review che i 50mila stanno fra un anno tipico i George W. Bush e uno di Obama. Sono stati meno di 50mila fino al 2007, e poi dal 2013 al 2015 sono 70mila. Quanto ai siriani, Obama ne ha fatti entrare 305 profughi di media negli anni dal 2011 al 2015. E poi nel 2015, abbandonata la promessa di intervenire se Bashar Assad avesse sorpassato la linea rossa dei gas venefico, passa a 13mila nel 2014 con l’avanzare della situazione, forse pentito.

(il Giornale)

 

Condividi
Fiamma Nirenstein

Fiamma Nirenstein

Giornalista